rotate-mobile
Giovedì, 23 Maggio 2024
Attualità Guardiagrele

L'artista teatino D'Aquila torna a esporre in Abruzzo: a Guardiagrele c'è "Doppi sensi", ritorno a casa e omaggio alla sua terra

Negli anni ha fatto del linguaggio Braille il protagonista della sua ricerca artistica: una scelta nata da un'esperienza personale, che in giovane età gli ha fatto temere di perdere la vista

Un "ritorno a casa" e un omaggio alla sua terra, a cui resta fortemente legato nonostante da anni viva a operi a Milano. È "Doppi sensi", esposizione dell'artista teatino Alessandro D'Aquila, in programma a Guardiagrele dal 24 marzo, nell'ambito delle giornate per ricordare il poeta dialettale Modesto Della Porta.

Si tratta della prima mostra personale in Abruzzo dopo molto tempo per D'Aquila, classe 1989, che negli anni ha fatto del linguaggio Braille il protagonista della sua ricerca artistica. Una scelta nata da un'esperienza personale segnante, che in giovane età gli ha fatto temere di perdere la vista. Da allora, ha deciso di esorcizzare quanto accaduto attraverso l'uso di un linguaggio diventato il suo,  un veicolo grafico capace, nonostante la sua natura enigmatica, di trasformarsi sia in firma sia in elemento fondante delle sue opere, sempre immerse nella contemporaneità e nella critica della stessa.

L'arte visiva di Alessandro D'Aquila, fatta di Sintesi e Braille, vuole invitare il pubblico a guardare oltre l’alfabeto, oltre i dettagli e oltre tutte le barriere visive da cui siamo quotidianamente ostacolati, per riscoprire tutto ciò che solo gli occhi della pazienza e della mente sanno guardare e quindi far (re)esistere, concedendo di nuovo alla realtà l’attenzione che merita. Poche linee e qualche dettaglio permettono di tradurre la complessità in semplicità, senza perderne nemmeno una sfaccettatura.

L'utilizzo del Braille rappresenta anche una critica alla superficialità di chi spesso dimentica o trascura le esigenze e le potenzialità delle persone con disabilità. D'Aquila vuole richiamare l'attenzione su queste tematiche grazie alla profondità dell’arte e moltiplicare i punti di vista attraverso l’immersione e l’immedesimazione. In definitiva, la ricerca artistica di Alessandro D'Aquila si basa sulla provocazione, invertendo i ruoli e le capacità, rendendo il pubblico cieco e allo stesso tempo più attento e cosciente di sé e degli altri.

La sua Sintesi spegne la luce e accende la ragione, chiude gli occhi e aziona il cervello, annulla il pregiudizio e risveglia l’empatia, perché niente, più del buio, fa brillare ciò che davvero conta. 

In occasione delle giornate dedicate al poeta dialettale Modesto Della Porta, nato e vissuto a Guardiagrele, Alessandro D'Aquila con la sua ricerca racconta un paese che è parte di tutti noi, senza distinzione di luogo.

Le tavole ottometriche poetiche, le tele che raffigurano i loghi e le polaroid portano a compiere un viaggio: essere parte di una comunità comporta di dover fare delle scelte e di oltrepassare dei limiti, nella stessa maniera con cui delle barriere devono essere abbattute. 

Ed è qui che l'utilizzo di un linguaggio come il braille crea quella amplificazione di veduta, è qui che la poesia letteraria o di vita estendono la creatività delle persone.

Il progetto è un dialogo tra artista e luogo. Tra artista e curatore. Tra artista, curatore e persone.

Un doppio senso che non limita ma aiuta a farci camminare su luoghi non comuni.

Così, dall'esposizione di un'opera digitale nella Grande Mela, all'ultima esposizione milanese, passando per una collezione firmata per Colmar e una trasmissione televisiva di Mediaset, D'Aquila porta la sua arte nella sua terra, con l'obiettivo di omaggiarla e raccontare ciò che la sua ricerca artistica lo porta ad affermare.

L'esposizione, nello spazio /f urbä/ curato da Simone Marsibilio, in via Tripio 145, a Guardiagrele, prevede una serie di opere che omaggiano la terra d'Abruzzo. L'opening è in programma domenica 24 marzo, dalle 11 alle 20 e la mostra si potrà visitare a ingresso libero, fino al 5 maggio, ogni sabato e domenica, dalle 11 alle 13 e dalle 17 alle 20, oltre che su appuntamento fuori dagli orari di apertura (3286959165).

Leggi le notizie di ChietiToday su Whatsapp

Locandina Doppi Sensi

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'artista teatino D'Aquila torna a esporre in Abruzzo: a Guardiagrele c'è "Doppi sensi", ritorno a casa e omaggio alla sua terra

ChietiToday è in caricamento