La Thales è salva: firmato l'accordo sindacale, i lavoratori restano a Chieti

Siglato nella serata del 13 maggio l'accordo sindacale: non ci sarà nessun trasferimento. E i lavoratori interrompono il presidio

Ci sono voluti 53 giorni di presidio, la mobilitazione della politica locale, trascorrere la Pasqua, le feste e persino la giornata dei lavoratori all’interno della fabbrica occupata dal 22 marzo. Ma da ieri sera, finalmente, la Thales di Chieti è salva

La firma dell’accordo sindacale, giudicato “eccellente” dai sindacati, è arrivata nella serata di ieri (venerdì 13 maggio), dopo una settimana di fuoco, speranze disattese all’ultimo minuto, terminata con la notizia più rosea: la conclusione positiva della trattativa dell’azienda. 

A questo punto la Thales di Chieti verrà acquisita dalla Tekne, società con sede a Poggiofiorito, sempre nel chietino, e 64 lavoratori torneranno a fare ciò che hanno sempre fatto. Altri 24, quelli del ramo Starmille, verranno ceduti ad una newco. 

Sospeso lo sciopero e sciolto il presidio nella fabbrica, quella di ieri è stata una serata di festa per i lavoratori, che mai, in quasi due mesi, hanno rallentato la loro battaglia civile, ma assai decisa. Una festa iniziata poco prima delle ore 20, con un messaggio sms di Davide Labbrozzi, segretario provinciale Fiom, uno dei protagonisti più attivi della vertenza Thales, che annunciava ai lavoratori la firma di “un accordo eccellente”. 

In nottata, poi, l’assemblea sindacale per informare tutti del proprio destino, scongiurando definitivamente il rischio di doversi trasferire a Gorgonzola o Sesto Fiorentino. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E durante la notte sono stati gli stessi lavoratori, tramite la pagina Save Thales Chieti, diventata punto di riferimento di chiunque fosse loro vicino, a comunicare l’ottima svolta: “Torniamo alla vita di tutti i giorni con la convinzione di aver ottenuto un risultato positivo per noi e per la nostra amata terra d'Abruzzo. Un doveroso ringraziamento va all'On. Giovanni Lolli ed al Compagno della Fiom Davide Labbrozzi per tutto quello che hanno fatto per noi!”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si è spento a 60 anni Marcello Petaccia, proprietario di un'ottica a Chieti

  • Venticinquenne si ribalta con la Bmw a Chieti: miracolosamente illeso

  • Presentata la nuova giunta comunale a Chieti: Rispoli al lavori pubblici, Pantalone al commercio

  • Il Consiglio di Stato boccia definitivamente il progetto Mirò: stop al centro commerciale di Santa Filomena

  • Tamponamento a catena sull’asse attrezzato, diverse auto coinvolte

  • Coronavirus, record di contagi e tamponi: 203 nuovi casi e due persone morte in provincia di Chieti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ChietiToday è in caricamento