La variante inglese del Covid non infetta i bambini più degli adulti

Sono esposti come gli adulti

@unsplash

In queste ultime ore preoccupano fortemente le varianti in Abruzzo, motivo per cui sono state istituite delle mini zone rosse straordinarie. Il referente regionale sanitario per l’emergenza Covid-19 Alberto alfani ha riferito che le varianti riguardano attualmente il 40-50% dei casi nella nostra regione.

A tal proposito l’Istituto Superiore di Sanità (Iss) ha aggiornato le faq sulle varianti specificando che non sembra che “la variante inglese del Covid abbia come target specifico i bambini, ovvero non li infetta in maniera particolare rispetto ad altri”. E che “le varianti più preoccupanti non sembra causino sintomi più gravi in nessuna fascia d’età”.

I bambini, dunque, sono colpiti esattamente come gli adulti. La variante inglese, al momento, è particolarmente diffusa in Abruzzo, Marche e Umbria.

Sulle varianti brasiliana e sudafricana, invece, gli studiosi affermano di non avere abbastanza dati per poter formulare delle ipotesi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rimborsi affitti universitari: pubblicato l'avviso pubblico per gli studenti abruzzesi fuori sede

  • Covid-19, la “d’Annunzio” pronta a vaccinare trentamila persone

  • Nelle scuole di Chieti e provincia 379 casi positivi: i dati del Dipartimento Prevenzione

  • Diventare assistente di lingua italiana all’estero: requisiti e come candidarsi

  • Esami di giugno 2021: firmate le ordinanze dal ministro dell’istruzione Bianchi

  • Maturità 2021: come si svolgeranno gli esami di Stato quest’anno?

Torna su
ChietiToday è in caricamento