Venerdì, 14 Maggio 2021
Cronaca Centro Storico

La città in ginocchio per maltempo e frane: i commercianti chiedono parcheggi gratuiti

Le richieste del Consorzio Chieti C'è(ntro) all'amministrazione comunale per accelerare il ritorno alla normalità

un intervento dei vigili del fuoco lungo il corso a fine gennaio

E’ un inverno durissimo per i commercianti teatini. Dopo l’emergenza maltempo che ha rallentato l’inizio dei saldi a gennaio (tant'è che la Confcommercio regionale ha proposto di prolungarli fino a fine marzo), il mese di febbraio non si è aperto nel migliore dei modi con la sequenza di frane che si è aperta in centro città e la conseguente modifica/interruzione alla normale viabilità. Alcune delle zone principali, come via Olivieri e piazza Garibaldi, negli ultimi giorni sono chiuse alle auto e raggiungere il colle o parcheggiare sta diventando sempre più complicato, anche alla luce dei diversi cantieri e interventi che quotidianamente interessano la città. E le ripercussioni sul commercio cittadino sono drammatiche.

Il Consorzio Chieti C’è(ntro), che raggruppa i commercianti della parte alta della città, alla luce delle problematiche territoriali che stanno mettendo in ginocchio le attività commerciali, ha scritto una lettera aperta per chiedere all’amministrazione comunale risposte e soluzioni immediate.

FRANE, FONDI, PARCHEGGI - Tre i punti: in primis il problema frane, “che impone l’attuazione degli interventi sia sul piano tempistico che su quello, non secondario, dell’analisi dello stato idrogeologico della città. A tali quesiti – scrivono i commercianti - si deve collegare il controllo delle soluzioni strutturali da mettere in opera, ma anche la lucida trasparenza sugli appalti che fugga soluzioni frettolose e dannose”;  collegato al precedente quesito vi è “l’obbligo da parte dell’attuale amministrazione di informare la cittadinanza sull’ammontare dei fondi richiesti alla Regione per la gestione delle calamità nel territorio cittadino e nei territori limitrofi del centro”; il terzo punto riguarda “le annose e mai risolte questioni sulla viabilità e la possibilità di aree di parcheggio sia in tempi normali che di emergenza. Soluzioni da vagliare al più presto – suggeriscono -  che possono riguardare, ad esempio, la sospensione temporanea dei parcheggi a pagamento e l’organizzazione di navette dirette dai parcheggi al centro”. Tre richieste dunque, per riportare un po’ di serenità e di movimento in centro storico.

“Lo chiediamo come categoria di imprenditori, che in questo momento rappresenta l’unico asse economico-sociale del territorio – conclude il Consorzio - Asse che produce reddito e lavoro in una realtà fortemente depauperata. Chieti C’è (ntro) chiede infine a tutte le altre associazioni cittadine l’adesione alle ragioni delle nostre richieste per strutturare l’interezza di un intervento che coinvolge l’intera cittadinanza”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La città in ginocchio per maltempo e frane: i commercianti chiedono parcheggi gratuiti

ChietiToday è in caricamento