rotate-mobile
Giovedì, 29 Febbraio 2024
Basket

Che Chieti! Battuta la prima della classe dopo due supplementari!

Il fattore PalaTricalle e un grande Lips domano una super Ruvo. Ma stavolta la squadra teatina, mai doma, si è imposta al fotofinish

Che cuore! Che grinta! E che vittoria! Bella, emozionante, importante. Arrivata al fotofinish dopo ben 2 supplementari. Ma meritata. E' stata una grande Lux Chieti Basket quella che per 96-94 ha mandato ko la prima della classe Ruva, facendo rispettare ancora una volta la legge del PalaTricalle. Una grandissima prestazione di squadra, esaltata da un Lips fantasmagorico: sfiorata una tripla doppia eccezionale (19 punti, 18 rimbalzi e 9 assist in 48 minuti di utilizzo). Agli ospiti, mai domi, non sono bastati i 28 punti di Traini, autentico trascinatore di un team che, nonostante il ko, si è confermato attrezzatissimo. Ma contro una Lux come questa, era difficile uscire indenni dal fortino teatino.

Al decimo il tabellone recitava 9-17, dunque con un gap di 8 lunghezze già da colmare. Partita segnata? No, affatto. Perchè con grande grinta la squadra di casa è rimasta in partita. Il momento topico? Una  bomba di Paesano ed il 2+1 di Lips che impatta sul 26-26 il giro di boa del secondo quarto. Ed il merito dei teatini è stato quello di crederci anche dopo il nuovo allungo ospite: al ventesimo il parziale è infatti di 31-41. Gap in doppia cifra e pausa lunga propizia per riordinare le idee e ripartire. 
Il terzo quarto di battaglia riporta la Lux sotto, sul -1 al trentesimo (55-56). L'ultima frazione del tempo regolamentare è avvincente come poche altre volte in stagione. E non solo. Basti pensare che a 45 secondi dal termine il progressivo è di 68-69. Si gioca prevalentemente a cronometro fermo. Lo spauracchio Jackson, volto noto a queste latitudini,  è glaciale dalla lunetta ma uno strepitoso Lips, realizza un vitale 3/3 portando il punteggio sul 71-71 a 4 secondi dal termine della contesa. Dopo il timeout ospite  lo stesso Jackson non fa deflagrare nella retina di Chietila bomba della vittoria: il tiro si infrange sul ferro. Al PalaTricalle si va dunque all' overtime  dopo 40 minuti intensissimi chiusi sul 71-71.
Il resto ve lo raccontiamo con le parole dell'ufficio stampa teatino nel comunicato ufficiale diramato a fine partita: 
"Eliantonio è lucido da oltre l’arco, Jackson realizza dalla media ma Obinna rimette Chieti in scia con un 2+1 dopo poco più di un minuto di overtime (74-76). La Lux è brava a giocare sotto le plance e con il 2+1 di Obinna e i liberi di Ciribeni si porta sul massimo vantaggio a 01:55 dal termine (79-76). Traini tira fuori il coniglio dal cilindro in penetrazione ma una bomba di Ciribeni porta Chieti sul +4 a 01:03 da fine gara (82-78). Eliantonio è freddo a cronometro fermo, Jackson dalla mattonella pesante rimette avanti i suoi, con coach Aniello che chiama timeout a 19 secondi dal termine (82-83). La gara non sembra voler avere un padrone: Lips a 3 secondi dal termine fa 1/2. Ci sarà così bisogno di un ulteriore supplementare (83-83).

Il secondo overtime ha un ritmo folle.  Traini risponde alla tripla di Maggio, così come Ghersetti da sotto impatta dopo il canestro di Reale: dopo un minuto, il punteggio è di 88-88. Paesano va a segno da sotto, Ghersetti risponde dalla lunetta: a 2 minuti dal termine, il parziale è di 90-90. Jackson realizza in penetrazione, Maggio approfitta del quinto fallo di Ghersetti e del tecnico alla panchina di Ruvo: a 40 secondi dal termine, Chieti conduce 93-92. Jackson subisce fallo ed è freddo dalla lunetta: a 23 secondi da fine gara, coach Aniello chiama timeout (93-94). La Lux non molla e, dopo una splendida azione offensiva, va a segno con la bomba di Reale: questa volta è coach Campanella a chiamare timeout a 7 secondi dal termine (96-94). La tripla di Jackson non va a segno e così, dopo una vera e propria battaglia agonistica, Chieti può esultare: al cinquantesimo, il tabellone recita 96-94". Si è completato così il capolavoro Lux al cospetto di una corazzata. Una vittoria importantissima per la classifica e per il morale. 

IL TABELLINO:

Lux Chieti Basket 1974 – Tecnoswitch Ruvo di Puglia 96-94 (9-17; 31-41; 55-56; 71-71; 83-83)

Lux Chieti Basket 1974 96: Obinna 11, Masciopinto 0, Reale 13, Maggio 17, Lips 19, Cena 2, Ciribeni 13, Paesano 18, Berra 3, Febbo NE, Di Iorio NE, Gelormini NE,

Tecnoswitch Ruvo di Puglia 94: Eliantonio 5, Deri 0, Traini 28, Jackson 27, Ghersetti 5, Galmarini 16, Toniato 7, Leggio 6, Contento NE, Boev NE.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Che Chieti! Battuta la prima della classe dopo due supplementari!

ChietiToday è in caricamento