Mercoledì, 19 Maggio 2021
Politica

Società partecipate, D'Ingiullo: "L'Idv Zinni non ne ha azzeccata una"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ChietiToday

L’Assessore alle Società Partecipate, Marco D’Ingiullo, ha dichiarato quanto segue.

«Il Signor Antonio Zinni, esperto sicuramente in altre discipline, sulle Società Partecipate e Municipalizzare che gravitano attorno al Comune di Chieti non ne ha azzeccata una!

La foga di apparire sui giornali lo ha portato a dichiarare notizie false ed offensive soprattutto nei confronti degli amministratori di dette società (Teateservizi srl, Chieti Solidale, OPS).

Ma andiamo per ordine…La Società Teateservizi Srl, adeguandosi al Decreto Legge 95/2012, convertito il Legge 135/2012, ha modificato il proprio Statuto in particolar modo nella parte riguardante l’amministrazione della Società.

Le opzioni che la legge prospettava erano due: nomina di un membro esterno (mediante avviso pubblico) e due interni (dipendenti/funzionari/dirigenti del Comune) oppure nomina del singolo amministratore.

Ebbene, l’Amministrazione Comunale ha optato per quest’ultima soluzione, riducendo così drasticamente le spese. In fin dei conti il solo Presidente della  Teateservizi, oberato di lavoro e di responsabilità, percepisce appena 640 euro netti al mese!

Passiamo ora all’Azienda Speciale Multiservizi “Chieti Solidale”, riguardo alla quale il Signor Zinni ha mostrato in maniera evidente di non conoscere nulla della politica teatina o quanto meno di non essere aggiornato.

L’Azienda Speciale Multiservizi “Chieti Solidale”, in base al Decreto Legge 78/2010, convertito in Legge 122/2010, ha dovuto adeguare anch’essa i compensi del proprio organo amministrativo.

Pertanto, dal secondo semestre 2011, i componenti del Consiglio di Amministrazione, non percepiscono neanche un’euro, rinunciando addirittura anche al gettone di presenza di 30  euro spettante per legge ogni qual volta l’organo si riunisce.

Stesso discorso vale per l’OPS, anch’essa società partecipata del Comune per il 10,30% che, come per la ASM, ha dovuto adeguarsi alle nuove normative sulla stabilizzazione finanziaria e riduzione di costi degli organi amministrativi.

Anche qui il solo Presidente (con grosse responsabilità) percepisce appena 13.500 euro lordi l’anno.

 In conclusione inviterei il signor Antonio Zinni, prima di dare fiato alle trombe, a documentarsi per non rischiare altre pessime figure, specie durante la campagna elettorale..»

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Società partecipate, D'Ingiullo: "L'Idv Zinni non ne ha azzeccata una"

ChietiToday è in caricamento