Domenica, 17 Ottobre 2021
Politica

Medicina trasfusionale da Chieti a Vasto: un ordine del giorno bipartisan

Udc e Pd presentano un odg per la salvaguardia dell'Unità Operativa Complessa di Medicina trasfusionale che secondo alcune indiscrezioni verrebbe trasferita presso l’ospedale di Vasto

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ChietiToday

Il 30 luglio p.v., nel Consiglio Comunale Straordinario dedicato alle problematiche della Sanità del nostro territorio, i Consiglieri Alessandro Giardinelli (UDC) e Alessio Di Iorio (PD) presenteranno un Ordine del Giorno (qui di seguito allegato) che mira in particolare alla salvaguardia di un Reparto di eccellenza del nostro Ospedale Clinicizzato di Colle dell’Ara, ovvero dell’Unità Operativa Complessa di Medicina trasfusionale, che da alcune indiscrezioni, anche apparse di recente sulla stampa locale, vorrebbero che sia trasferita presso l’Ospedale di Vasto.

La notizia del trasferimento dell’Unità Operativa Complessa di Medicina trasfusionale, è legata alla razionalizzazione della spesa sanitaria regionale da parte della Regione Abruzzo, che comporterà una riduzione delle Unità Operative Complesse nel territorio.

L’Ordine del Giorno vuole sottolineare che tale giustificata riduzione deve necessariamente tenere conto delle eccellenze e delle effettive esigenze della sanità territoriale e non soffrire di una selezione meramente politica, legata alle pressioni esercitate dai vari rappresentanti politici locali.  

Le scelte dovranno essere fatte in base al bacino di utenza, al numero dei ricoveri, ai tassi di operatività, alla tipologia delle prestazioni, ed inoltre tenendo conto che i metodi applicati dovrebbero consentire di concentrare le specialità ad elevata specificità negli ospedali di riferimento della Regione tra i quali il nostro Ospedale Clinicizzato di Colle dell’Ara. Lo stesso programma operativo 2010-2011 prevede espressamente che "le discipline che presentano una sola unità operativa complessa per l’intera Azienda devono essere collocate logicamente nel presidio ospedaliero dei capoluogo di provincia" . Numeri alla mano, il Servizio di Medicina trasfusionale dell’Ospedale Civile di Chieti risulta un’eccellenza del Sistema sanitario abruzzese e della Provincia di Chieti in particolare, non solo per l’attività trasfusionale ma anche per quella ematologica, in favore di pazienti con gravi malattie emorragiche e trombotiche.

Nell’Ordine del Giorno (qui allegato) si chiede al Sindaco di attivarsi in ogni sede politica e istituzionale affinché l’Unità Operativa Complessa di Medicina trasfusionale del Policlinico di Chieti sia mantenuta e potenziata, dovendo anche supportare le eccellenze attuali e quelle in via di realizzazione nell’intero complesso ospedaliero come l’imminente apertura del Polo Cardiochirurgico.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Medicina trasfusionale da Chieti a Vasto: un ordine del giorno bipartisan

ChietiToday è in caricamento