menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Giustizia Sociale presenta il registro dei volontari, per regolamentare l'aiuto dei cittadini al Comune

Lo strumento proposto in una mozione servirà a promuovere il volontariato - e l'azione dei volontari, in diversi ambiti di interesse pubblico di competenza comunale

Giustizia Sociale propone al Comune di utilizzare le risorse volontarie a favore della pubblica amministrazione, per curare spazi pubblici, contribuire al lavoro negli uffici dell'ente, sorvegliare le attività pubbliche e altri lavori a favore della collettività. In particolare questa mattina (martedì 10 gennaio), il capogruppo Bruno Di Paolo ha depositato una mozione per l'utilizzo del volontariato nelle attività e servizi della P.A. – “Registro dei volontari di ausilio all’Ente – InsiemeCittà”, per cui è già stata predisposta una bozza di regolamento che il consiglio comunale dovrà, eventualmente, solo approvare. 

L'obiettivo, spiega in una nota insieme al responsabile per le attività culturali e artistiche Gianni Totino, è quello di "favorire la convivenza civile, la partecipazione e la coesione sociale della città attraverso la valorizzazione del contributo volontario dei cittadini e dei vari attori sociali presenti sul territorio per migliorare l’offerta dei servizi attraverso l’apporto spontaneo dei cittadini". 

In particolare, il registro dei volontari servirà a promuovere il volontariato - e l'azione dei volontari, in diversi ambiti di interesse pubblico di competenza comunale, qualora non sia espressamente vietato o riservato dalle norme statali e regionali, dallo statuto comunale e da regolamenti da esso adottati in materia.

In particolare, i volontari potrebbero essere impiegati in attività di tutela, conservazione, manutenzione, custodia delle aiuole, dei viali, delle aree verdi, dei cortili delle scuole, degli edifici pubblici e del cimitero; attività di tutela e valorizzazione del patrimonio Comunale e degli archivi; attività di educazione e difesa ambientale; attività di supporto presso la biblioteca Comunale, assistenza durante il trasporto scolastico per le operazioni di accesso e abbandono degli edifici scolastici, anche in collaborazione con gli organi scolastici competenti; attività di supporto allo staff del Sindaco, del Presidente del Consiglio, degli Assessori, dei Capigruppo Consiliari e dei Presidenti delle Commissioni Consiliari; attività di supporto agli uffici Comunali nei diversi settori e nelle società a compartecipazione pubblica; attività di servizio a favore di disabili e/o anziani quali trasporto, accompagnamento e vari; attività di sorveglianza e di controllo durante lo svolgimento di pubbliche manifestazioni ricreative, sportive e culturali in genere". O ad esempio, come proposto proprio da Giustizia Sociale qualche mese fa, per tenere aperto il cimitero negli orari in cui attualmente resta chiuso. Chiusura che ha scatenato non poche polemiche in città.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento