'Fuori da questa cittá', CasaPound all'attacco di Pd e centrodestra cittadini

Lo strisicone apparso in serata per denunciare la "totale inadeguatezza delle formazioni di entrambi gli schieramenti nella gestione della città"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ChietiToday

"Pd e centrodestra fuori da questa Città!" questo il testo dello striscione affisso in serata dai militanti di CasaPound Italia per denunciare la totale inadeguatezza delle formazioni di entrambi gli schieramenti nella gestione della città.

"È arrivato il momento - spiega Vincenzo Artese, portavoce politico del movimento per la città di Chieti - dopo mesi e mesi di denunce e segnalazioni di attaccare frontalmente i reali responsabili del disastro politico e sociale che Chieti sta affrontando e che peggiora giorno dopo giorno".

Pd e centrodestra sono entrambi responsabili di questo scempio: gli uni totalmente piegati alle volontà del governatore D'Alfonso che da anni spinge per depotenziare Chieti, gli altri totalmente inadeguati a decidere del futuro della Città e, soprattutto, senza un briciolo di coraggio politico".

"Dal Masterplan al depotenziamento dell'ospedale, dal degrado urbano ai cantieri in abbandono, dalla crisi del commercio ai problemi strutturali di edifici e scuole, dalla bonifica mai effettuata della discarica di Colle Sant'Antonio fino all'immobilità totale di un'amministrazione comunale indegna, Chieti continua a soffrire - continua Artese - in attesa di una ferita mortale che non abbiamo intenzione di aspettare inermi come pare vogliano fare i politici teatini."

"Chieti ha bisogno di combattenti, ha bisogno di professionisti e di persone competenti che possano ridare lustro e centratura ad una città allo sbando. Chieti ha bisogno di CasaPound".

Torna su
ChietiToday è in caricamento