Lunedì, 25 Ottobre 2021
Elezioni

Le elezioni provinciali del 15 gennaio potrebbero essere irregolari

Il dubbio viene avanzato dal parlamentare Di Stefano (Forza Italia), secondo cui la data di domenica prossima sarebbe ben oltre il termine ultimo fissato dal ministero per rinnovare i consigli provinciali

La nuova data scelta per le elezioni provinciali, ossia domenica prossima (15 gennaio) potrebbe non essere regolare. Il dubbio viene avanzato dall'onorevole di Forza Italia Fabrizio di Stefano, dopo che ieri (sabato 7 gennaio), il presidente della Provincia Mario Pupillo ha deciso di far slittare di 7 giorni le elezioni di secondo grado, vista l'emergenza maltempo che impegna sindaci e consiglieri del chietino e che rende loro difficile raggiungere il capoluogo per votare. Una soluzione che, tra l'altro, era stata chiesta anche da una delle tre liste candidate.

"L'8 gennaio - spiega Di Stefano - era l'ultima domenica consentita dalla legge per lo svolgimento di questa elezione. Conseguentemente, lo slittamento al 15 gennaio è fuori dai termini previsti dal ministero, tant’è che sia la Provincia di Pescara sia quella di Isernia, pur disponendo il rinvio, hanno fissato a mercoledì (11 gennaio) la nuova data, ovvero nell’ultimo giorno utile per votare". Il parlamentare annuncia che si rivolgerà anche al ministero per avere chiarezza sulla validità delle elezioni. 

E attacca Pupillo per aver "gestito le elezioni provinciali come sta gestendo l’emergenza neve e cioè in maniera disastrosa”. “Ci domandiamo - aggiunge - se quando ha deciso di fissare la data per lo svolgimento delle elezioni provinciali nell’ultima data utile consentita dalla legge, non sapesse che l’8 gennaio, in particolare in una Provincia come la nostra con tantissimi comuni montani e pedemontani, poteva essere una data a rischio neve. A giudicare da come ha predisposto (ma a questo punto lo ha predisposto davvero?) il piano neve, penso che non avesse davvero contezza di tutto ciò".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le elezioni provinciali del 15 gennaio potrebbero essere irregolari

ChietiToday è in caricamento