Domenica, 20 Giugno 2021
Politica

Code e disservizi per fare il vaccino: Pd e 5 stelle chiedono la rimozione del direttore della Asl Schael

Critiche all'organizzazione vaccinale dai consiglieri comunali di centrosinistra e dalla consigliera regionale Stella

Il manager della Asl Schael

Dopo l'interpellanza in Regione del capogruppo del Partito Democratico Silvio Paolucci, il Pd teatino torna ad attaccare la giunta Marsilio e la Asl sull'organizzazione della campagna vaccinale in provincia di Chieti.

Nel mirino dei consiglieri Filippo Di Giovanni, Barbara Di Roberto, Valentina De Luca, Pietro Iacobitti e Paride Paci, in particolare, i disagi al Palauda, dove nelle ultime settimane si sono registrate code e lunghe attese, che hanno richiesto in alcune occasioni anche l'intervento delle forze dell'ordine. 

La Asl spiegò che la responsabilità delle sovrapposizioni era da imputare alla piattaforma di prenotazione delle Poste, ma il gruppo scaricò a sua volta la colpa sull'azienda sanitaria.

“Va fatta chiarezza e trovata una soluzione", dicono i consiglieri, per una situazione che "si verifica solo a Chieti, a quanto ci consta, nonostante la modalità di prenotazione dei vaccini sia unica per tutta la regione”.

“Considerato il fatto che il problema c’è ancora e che anziani e fragili per sottoporsi al vaccino continuano ad attendere ore, in fila, con il minimo del conforto e con i rischi che derivano dagli assembramenti che si verificano - incalzano - è indispensabile capire perché è successo e cosa si sta facendo per evitare che accada ancora. Una richiesta messa nero su bianco dal capogruppo Pd in Consiglio regionale, Silvio Paolucci, in un’interpellanza presentata all’esecutivo e a cui ci uniamo perché la situazione non si aggravi in vista pure dell’imminente vaccinazione anche degli over 50, che inizierà dal 20 maggio. Lunghe code, interventi delle forze dell'ordine, utenti stremati nell'unico punto vaccinale voluto dal manager Schael, inspiegabilmente sordo alla collaborazione garantita dalla politica di Chieti soprattutto nella veste istituzionale del sindaco Ferrara", accusano i consiglieri di centrosinistra.

"Siamo basiti - proseguono - nel vedere il nostro capoluogo all'ultimo posto nella campagna vaccinale, come pure siamo costretti a lamentare le evidenti inefficienze di tutta la gestione sanitaria della Asl, che non implementa medicina del territorio, non prende provvedimenti per riaprire il distretto sanitario nella parte più popolosa della città, che solleva la preoccupazione dei primari del Santissima Annunziata costituitisi in Comitato a salvaguardia dell'ospedale, che pretestuosamente ignora l'amministrazione di Chieti che con sforzo e senso di responsabilità sopperisce a disorganizzazione ed improvvisazione. Il Pd Chieti è al fianco del sindaco Ferrara nella richiesta di interlocuzione con l'assessore Verì: molte risposte vanno date ai nostri concittadini, soprattutto a fronte della imminente valutazione cui verrà sottoposto il dottor Schael".

I consiglieri Di Giovanni, Di Roberto, De Luca, Iacobitti e Paci chiedono ad Asl e Regione di charire i problemi al Palauda e tornano a incalzare sulla bocciatura della proposta del sindaco Ferrara, di aprire un centro vaccinale anche nella palestra di Colle dell'Ara. Accusano poi la Asl di non aver favorito "un percorso di leale collaborazione istituzionale con il Comune di Chieti a supporto della campagna in città, com’è accaduto in altri centri".

"La campagna vaccinale più importante della nostra storia - concludono - non può essere condotta in modo approssimativo e facendo pagare la propria inefficienza a chi ha diritto alla qualità di qualunque servizio riguardi la salute. Ed è giusto che chi sbaglia non solo riconosca l’errore e si scusi con i cittadini, ma si attivi per riparare e, se non riesce allo scopo, venga sostituito da chi è in grado di garantire alla comunità servizi migliori”.

E contro la Asl per l'organizzazione della campagna vaccinale si scaglia anche la consigliera del Movimento 5 stelle Barbara Stella: anche lei chiede la rimozione del manager della Asl Thomas Schael, che a breve sarà sottoposto alla valutazione di metà mandato. 

"Negli ultimi 2 anni - commenta - sono state tante le criticità sanitarie emerse per la città di Chieti che il dg Schael, a mio avviso, non ha saputo affrontare e che ho portato all’attenzione della giunta regionale attraverso accessi agli atti, interpellanze e interrogazioni. Penso al distretto sanitario di Chieti Scalo, chiuso oramai quasi due anni fa e mai riaperto, al ritardo di 5 mesi nel bandire la gara per il rinnovo del parco macchine del reparto di Radioterapia Oncologica che ha causato e potrebbe causare ancora diverse problematiche ai pazienti oncologici in cura nel nosocomio teatino e per le quali vedremo una soluzione non prima di settembre prossimo. Per non parlare delle lunghe code e attese, non ancora risolte, che si sono create nelle scorse settimane al centro vaccinale allestito al PalaUda e per le quali ho depositato un’interrogazione il 3 aprile per avere spiegazioni in merito”.

"Tutto ciò - incalza - è senza dubbio la conseguenza di una programmazione scarsa, se non a volte del tutto assente, incapace di rispondere alle esigenze reali del territorio e che ha visto i cittadini privati di servizi fondamentali per la tutela della loro salute, in un momento di crisi pandemica nel quale l’assistenza sanitaria andrebbe potenziata e non certo ridotta”.

"Mi auguro che la Regione valuti attentamente il lavoro svolto dal dg Schael in questi 2 anni - prosegue la consigliera del Movimento 5 stelle - e tenga conto di tutti i disservizi e le problematiche che il Movimento 5 stelle ha sempre denunciato. La responsabilità politica di proseguire o meno in questa direzione ora è nelle mani della giunta regionale di centrodestra a guida Marsilio, per cui va a loro il mio monito a cogliere questa occasione per effettuare finalmente un cambio di passo che possa davvero far ripartire la Asl Lanciano-Vasto-Chieti che deve avere come unico obiettivo la tutela del diritto alla salute e il pieno e costante funzionamento dei servizi fondamentali per i cittadini”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Code e disservizi per fare il vaccino: Pd e 5 stelle chiedono la rimozione del direttore della Asl Schael

ChietiToday è in caricamento