Scuola Via G. d'Aragona 21

27 gennaio, l’I.i.s. “di Savoia” celebra la giornata della memoria

Ricordare diventa sempre più facile quando più conosciamo i fatti che sono accaduti! Solo la memoria può aiutarci a diventare persone migliori.

L’istituto di istruzione superiore. “L. di Savoia”, con il dirigente scolastico Grazia Angeloni e tutti i docenti, celebra il giorno della memoria con una serie di iniziative che hanno il dovere e l’obbligo morale di ricordare che la memoria non deve limitarsi alla celebrazione del solo 27 gennaio. ma deve essere un momento per vivere un’occasione di impegno nell’oggi cercando di capire molte cose, anche se, come dice la frase di Primo Levi, “comprendere è impossibile…”. In questo percorso della memoria, i ragazzi della 5^ A Meccanica martedì 24 gennaio si sono collegati con il museo nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah- Meis di Ferrara all’evento online “Il sorriso strappato. Bambini nella bufera”. Interverranno Tatiana e Andra Bucci, deportate da bambine ad Auschwitz e miracolosamente sopravvissute, che condivideranno la loro testimonianza ripercorrendo le tappe della loro vita prima e dopo la Shoah. Con loro, Bruno Maida, professore di Storia all’Università di Torino, e Silvia Cutrera, esperta di Shoah e disabilità.

Le classi di tutti gli indirizzi si recheranno alla Mostra storico-documentaria “I campi di concentramento fascisti in Abruzzo dal 1940 al 1943” presso la Provincia di Chieti che rappresenta un’occasione unica per conoscere da vicino parte della nostra storia recente. Il 27 gennaio i rappresentanti degli studenti e delle studentesse del Savoia, con i due rappresentanti della Consulta provinciale dell’Istituto, si recheranno a L’Aquila, in rappresentanza della scuola, per partecipare alla Giornata della Memoria, presso l'Auditorium del Parco che ospiterà Fabrizia Francabandera, presidente della Corte d'Appello dell'Aquila, insieme a Luigi Guerrieri, avvocato e storico, oltre ad alcuni attori del Teatro Paolo Grassi di Milano interpreti di letture teatrali di Primo Levi e di Edith Bruck, scrittrice, poetessa, traduttrice, regista e testimone della Shoah ungherese.

Le classi quarte e quinte il 27 gennaio si recheranno al teatro Marrucino di Chieti per assistere allo spettacolo “Rita, un genio con lo zucchero filato in testa” con la regia di Sabrina Pellegrino. Ricordare diventa sempre più facile quando più conosciamo i fatti che sono accaduti! Solo la memoria può aiutarci a diventare persone migliori.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

27 gennaio, l’I.i.s. “di Savoia” celebra la giornata della memoria
ChietiToday è in caricamento