Cronaca

Legalità a Vasto, Fli chiede controlli su atti dirigenziali

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ChietiToday

"L'assessore all'Urbanistica ed ai Servizi, Vincenzo Sputore dichiara che il Comune effettua controlli severi su appalti e subappalti e fa benissimo, ma chi controlla Sputore?". La domanda la pongono i consiglieri comunali di Fli Davide D'Alessandro e Nicola Del Prete, i quali riflettono ad alta voce sulla situazione drammatica in cui versa l'edilizia locale.

"In realtà, quando Lapenna ha deciso di assegnare la delega all'Urbanista a Vincenzo Sputore siamo rimasti esterrefatti - proseguono Del Prete e D'Alessandro- non fosse altro perché in ogni circostanza il sindaco Lapenna ribadisce che i problemi di questa città, a livello urbanistico, sono scaturiti dalle precedenti amministrazioni Tagliente e Pietrocola. Bene, concordiamo con lui, ma allora: come può assegnare una delega così importante ad un amministratore che, quando Tagliene e Pietrocola "distruggevano Vasto", tanto per usare un termine caro a Lapenna, sedeva con loro in giunta, condividendone responsabilità amministrative e politiche? Questo è un aspetto che riteniamo debba far riflettere, non solo il Pd, ma più in generale, il mondo politico locale. Oggi assistiamo al collasso dell'edilizia. La crisi a Vasto è più drammatica rispetto ad altre realtà territoriali. Ne sono una testimonianza le case realizzate ed invendute, al cospetto di previsioni di incremento demografico e di fabbisogno abitativo "fantastiche", e la chiusura delle agenzie immobiliari. Piuttosto - sottolineano i due consiglieri - se Sputore dice di voler controllare appalti e sub appalti, e fa benissimo perché l'allarme Camorra da queste parti è più che un allarme, ci chiediamo: chi controlla gli affidamenti dei suoi settori, senza gare d'appalto, per importi sotto la soglia prevista dai regolamenti comunali, aggirando gli stessi con artifizi di dubbia legittimità? E non attribuisse Sputore responsabilità a dirigenti e posizioni organizzative, perché gli indirizzi politici li ha sempre dati lui. Speriamo che queste domande abbiano precise risposte da parte dell'assessore che si erge a paladino della legalità. In tal caso, saremo ben lieti di poter dimostrare, con delibere e determinazioni dirigenziali, la fondatezza delle nostre preoccupazioni, aprendo un bel dibattito pubblico su un argomento che interessa molto la collettività".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Legalità a Vasto, Fli chiede controlli su atti dirigenziali

ChietiToday è in caricamento