Cronaca

Calendario venatorio: Febbo smentisce la chiusura della caccia

l’Assessore regionale alla Caccia, Mauro Febbo interviene in merito al Decreto del Tar che accolto la domanda cautelare relativa al ricorso presentato contro il calendario venatorio 2012-2013 dal Wwf e dagli Animalisti italiani

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ChietiToday

“La Regione Abruzzo precisa che non vi è stata alcuna chiusura della caccia e prende atto del provvedimento del TAR, emanato in un’ottica di estrema prudenzialità, che comunque non inficia la validità del calendario venatorio”.  Lo ha dichiarato l’Assessore regionale alla Caccia, Mauro Febbo interviene in merito al Decreto del Tar che accolto la domanda cautelare relativa al ricorso presentato contro il calendario venatorio 2012-2013 dal WWF e dagli Animalisti italiani.

“Per quanto riguarda la tutela delle specie SPEC – prosegue Febbo -  il calendario, eccezion fatta per le specie Quaglia e Tortora, ha previsto l’apertura al 30 settembre, attenendosi alle indicazioni della Guida ISPRA. Per il prelievo venatorio nei siti della rete Natura 2000 (SIC e le ZPS, zone particolarmente sensibili), la Regione Abruzzo ha già comunque previsto misure di protezione aggiuntive rispetto al restante territorio regionale.

Infine, in relazione al prelievo nelle aree di presenza dell’Orso individuate dal PATOM, si sottolinea come il PATOM stesso non escluda l’esercizio dell’attività venatoria ma indichi solo le modalità di caccia ritenute incompatibili con la presenza dell’orso: sulla scorta di tali indicazioni la Regione ha seguito un percorso in base al quale ha recepito le indicazioni tecniche formulate ed ha individuato modalità di prelievo venatorio compatibili con la presenza dell’orso.

Nell’area Subequana – precisa l’Assessore regionale – ricade l’unica ZPS istituita in Abruzzo, ma le limitazioni imposte dal Tar, che ricordiamo essere solo estremamente prudenziali, riguardano anche gli altri siti “sensibili” come le aree di presenza dell’orso e i Sic che insistono sul territorio regionale e sono chiaramente individuati con cartografie pubblicate sul sito della Regione.

Siamo sicuri che la validità delle scelte operate dalla Regione sarà verificata nell’udienza del 26 settembre in occasione della quale verrà dimostrata e documentata l’attenzione prestata ad un tema sensibile come quello del prelievo venatorio nella “regione verde d’Europa”, caratterizzata dalla presenza di specie protette e in alcuni casi uniche come appunto l’Orso marsicano.

Ad ogni buon conto – conclude Febbo - ci si attiene al decreto TAR ribadendo che non vi è stata chiusura della caccia ma sospensione fino al 26 settembre del prelievo delle specie SPEC quaglia e tortora (per le altre specie SPEC, si ripete, era già stabilita l’apertura al 30 settembre) e del prelievo venatorio nei siti della rete “Natura 2000” (SIC/ZPS) e nelle Aree di presenza dell’Orso individuate dal PATOM”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Calendario venatorio: Febbo smentisce la chiusura della caccia

ChietiToday è in caricamento