Uccise con un pugno l'artista Umberto Ranieri: condannato a cinque anni

Processato con il rito abbreviato Jelassi Mohamed Aziz, 18 anni, ritenuto responsabile di omicidio preterintenzionale.

È stato condannato a cinque anni di carcere per omicidio preterintenzionale Jelassi Mohamed Aziz, il 18enne italiano di origini tunisine che lo scorso 17 marzo, a Roma, colpì con un pugno Umberto Ranieri, 55 anni. L'uomo, originario di Paglieta, artista noto come Nniet Brovdi, morì pochi giorni dopo e a giugno fu arrestato il giovane ritenuto responsabile, poi processato con rito abbreviato, grazie al quale ha avuto uno sconto della pena di un terzo.

La violenza si scatenò nella capitale, a largo Preneste. Secondo quanto ricostruito, l'abruzzese chiese a un gruppo di giovani di non sporcare a terra. Si scatenò un battibecco, che poi sfociò nella violenza. Il ragazzo fuggì in compagnia degli amici, lasciando a terra l'uomo ferito. E non si è mai costituito, finché, più di tre mesi dopo, le indagini hanno permesso di risalire a lui. 

Le motivazioni della sentenza, che ha lasciato con l'amaro in bocca i familiari dell'artista ucciso, arriveranno tra 90 giorni. I genitori si sono costituiti parte civile, chiedendo un risarcimento da 1 milione di euro. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bimba di dieci mesi rischia di soffocare al centro commerciale: salvata da un infermiere

  • Sentenza storica per gli ex militari transitati all'impiego civile: accolta la tesi del legale teatino Pierluigi Abrugiati

  • Un abruzzese nell'inferno di Wuahn in quarantena per il virus cinese

  • Lutto nella sanità abruzzese: si è spenta la dottoressa Mariangela Bellisario

  • Coronavirus: la circolare del Ministero della Salute per non contrarre il virus cinese

  • In tribunale con gli screenshots delle conversazioni della moglie per provare il tradimento ma viene denunciato

Torna su
ChietiToday è in caricamento