menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Abruzzo zona rossa, i 5 stelle contro la Regione: "Comportamento irresponsabile, fondi per i cittadini"

I consiglieri Marcozzi e Pettinari accusano Marsilio di propaganda e di aver generato il caso, soprattutto in merito alla paventata chiusura delle scuole

La decisione di far diventare l'Abruzzo zona rossa, come è nelle intenzioni del presidente della Regione, Marco Marsilio, diventa terreno di scontro politico. 

Contro le restrizioni si era già schierato il capogruppo di Abruzzo in comune Sandro Mariani, mentre i sindaci di Chieti e Lanciano, Diego Ferrara e Mario Pupillo, hanno chiesto di lasciare aperte le scuole, come prevede l'ultimo Dpcm anche per le regioni classificate in zona rossa.

E contro Marsilio si scagliano anche i consiglieri del Movimento 5 stelle, Sara Marcozzi e Domenico Pettinari.

“La giunta regionale - accusano - paga oggi la propaganda portata avanti nei giorni scorsi. Solo 15 giorni fa, il presidente Marsilio ci rassicurava sul fatto che che non ci fosse alcuna emergenza nelle terapie intensive; una settimana fa, mentre il presidente Marsilio era impegnato a fare l’ospite stabile di trasmissioni nazionali per attaccare le scelte del Governo nazionale, il capogruppo di Fratelli d’Italia, partito dello stesso presidente, cavalcava le proteste dei ristoratori e criticava il Governo nazionale per le chiusure e, solo due giorni fa, invitava le opposizioni a tacere perché l’Abruzzo era stato rapido nella riorganizzazione ospedaliera. Da ieri sera, a causa di post sui social e messaggi audio di componenti della maggioranza, che preannunciavano l’istituzione della zona rossa e la chiusura di tutte le scuole in Abruzzo, nella nostra regione regna il caos”.

“Genitori nel panico e file precatastrofiche nei supermercati - dicono i due pentastellati - a causa del comportamento irresponsabile e ondivago di chi amministra la Regione, ci hanno spinto a fare domande puntuali e chiedere maggiore chiarezza su dati, numeri e studi e non sugli umori o le opinioni personali degli esponenti di centrodestra. L’indice Rt nella nostra regione - evidentemente grazie ai provvedimenti del Governo centrale - si è abbassato da 1,51 a 1,34 e su mia specifica domanda in merito - prosegue Marcozzi - il direttore D’Amario ha dichiarato che i focolai sembrerebbero in aumento e, inoltre, i posti nelle terapie intensive e l’ospedalizzazione hanno superato nella nostra regione le soglie critiche rispettivamente del 30% e 40%. Se questi dati dovessero aumentare, a detta del direttore D’Amario, si rischierebbe di compromettere l’assistenza puntuale per le terapie salvavita legate alle patologie tempo-dipendenti. Dunque, l’istituzione della zona rossa con l’eventuale chiusura delle scuole di ogni ordine e grado sarebbe un provvedimento preventivo basato su proiezioni e non sulle effettive esigenze attuali. Ho chiesto che ci venga fornita la relazione del Cts regionale dalla quale si evincerebbe la richiesta di adozione di provvedimenti maggiormente restrittivi e che chiede, a maggioranza e non all’unanimità, la chiusura di tutte le scuole di ogni ordine e grado”.

“In ogni caso - conclude Marcozzi - se il presidente Marsilio deciderà di istituire la zona rossa e in aggiunta di chiudere tutte le scuole di ogni ordine e grado, contrariamente a quanto previsto nei Dpcm, ai pareri del Cts nazionale e alla linea intrapresa da tutti i paesi europei in lockdown, ho chiesto che provveda a prevedere lo stanziamento di adeguati fondi di ristoro per le attività che chiuderanno e per istituire un bonus babysitter regionale. Hanno trovato 6 milioni di euro per il Napoli calcio, ora hanno il dovere di non far pagare agli abruzzesi il frutto della loro inadeguatezza amministrativa”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento