menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Francavilla a Cucine da incubo: Cannavacciuolo mette in riga lo chef Silvano

Ieri sera è andata in onda la puntata sul ristorante di viale Alcyone, con il consueto format: la crisi del locale e la rinascita, a cura del cuoco napoletano

Francavilla protagonista in televisione, ieri sera, con il programma "Cucine da incubo", del canale Nove. Come annunciato da tempo, ieri è andata in onda la puntata girata a febbraio nel ristorante "Il ritrovo del gusto da Silvano", dello chef Silvano Pinti. 

Il format prevede che lo chef napoletano Antonino Cannavacciuolo corra a "salvare" ristoranti vicini al fallimento, spiegando a titolari e staff cosa non vada nell'organizzazione del locale, insegnando nuovi piatti per migliorare la cucina, rinnovando la sala in modo da renderla più accogliente. 

E così è stato con "Il ritrovo del gusto", dove Cannavacciuolo si è presentato per assaggiare i piatti considerati i cavalli di battaglia del locale, in particolare la pasta "alla trappitara" e "a lu copp", che non hanno soddisfatto il suo palato. Così, con qualche difficoltà visto il carattere esuberante dello chef Pinti e la sua poca dimestichezza con le critiche, Cannavacciuolo ha iniziato un percorso per far risalire il locale. 

Prima ha portato il titolare in una piccola azienda agricola, facendolo lavorare a contatto con gli animali e affiancandogli la tipica massaia abruzzese, la signora Mariateresa, per cucinare la pasta fatta in casa. Poi ha riunito lo staff per insegnare come lavorare "da squadra". Infine, ha preparato con lo chef Silvano nuovi piatti, originali e gustosi, senza stravolgere l'identità del locale. 

E, infine, la sorpresa più grande, il restyling del ristorante, che ha potuto riaprire i battenti con un nuovo aspetto, divise nuove di zecca e un'organizzazione ben rodata. Il primo servizio, sotto l'occhio vigile dello chef Cannavacciuolo, è terminato con successo. Ora non resta che conservare la buona qualità anche a telecamere spente. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È morto il notaio Giuseppe Tragnone: aveva 70 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento