Lunedì, 15 Luglio 2024
Cronaca Lanciano

Processo per l'anziana uccisa a Casoli, primi cinque testi dell'accusa in Corte d'Assise: unico imputato è il figlio

Cesina Bambina Damiani, 88 anni, fu strangolata un anno fa nella sua abitazione di Casoli; il 65enne Francesco Rotunno tentò il suicidio ma venne salvato dalle forze dell'ordine

Si è aperta ieri, in Corte d'Assise, a Lanciano, la fase istruttoria del processo per l'uccisione di Cesina Bambina Damiani. La donna di Casoli, 88 anni, venne trovata morta il 12 febbraio 2023. Come ricostruisce l'Adnkronos, il processo si è aperto con i primi cinque testi d'accusa.

Imputato è il figlio dell'anziana, Francesco Rotunno, 65 anni, che è accusato di aver volontariamente strangolato la madre, con premeditazione, usando un laccio che non è mai trovato.

La donna era affetta da cecità bilaterale totale. A trovare il corpo fu la badante, mentre il figlio, dopo l'assassinio, cercò di suicidarsi tagliandosi le vene, ma fu salvato dalle forze dell'ordine.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Processo per l'anziana uccisa a Casoli, primi cinque testi dell'accusa in Corte d'Assise: unico imputato è il figlio
ChietiToday è in caricamento