rotate-mobile
Sabato, 15 Giugno 2024
Cronaca Casoli

Anziana strangolata a Casoli, si è aperto in Corte d'assise il processo per il figlio

Francesco Rotunno, 65 anni, è accusato dell'omicidio della madre Cesira Bambina Damiani, avvenuto a Casoli il 12 febbraio 2023. Nessuna perizia psichiatrica, al momento, sull'imputato. Prossima udienza a febbraio

Si è aperto oggi, 19 gennaio, in Corte d'assise a Lanciano il processo per l'omicidio di Cesira Bambina Damiani, l'88enne trovata strangolata nella sua abitazione di Casoli il 12 febbraio 2023.

A giudizio per la morte dell'anziana c'è il figlio Francesco Rotunno, 65 anni, arrestato tre giorni dopo il delitto e attualmente detenuto nel carcere di Villa Stanazzo. L'imputato, difeso dall'avvocato Silvana Vassalli, era presente all'udienza di oggi. In aula c'erano anche due dei tre figli dell'uomo.

Nella memoria difensiva, il legale di Rotunno ha parlato dell'opportunità di una valutazione psicologica per il suo assistito, richiesta al momento rigettata dal presidente della corte, il giudice Giovanni Nappi. “Il giudice non ha respinto la richiesta di perizia psichiatrica – precisa l'avvocato Vassalli – è che al momento non è rilevante per l'istruttoria, ma può diventarlo all'esito dell'attività istruttoria, anche per la quantificazione di una eventuale pena”.

In carcere Rotunno viene seguito da due psicologi. “Il mio assistito non ha mai ammesso né smentito l'omicidio – continua il difensore - continua a non avere memoria perfetta e contezza di quanto accaduto quella domenica, anche a questo serve questa relazione di natura psicologica”.

Sono dodici i testi ammessi al processo. Nella prossima udienza, fissata al 16 febbraio, saranno ascoltati i cinque dell'accusa, rappresentata dal procuratore capo Mirvana Di Serio: la Corte ascolterà i carabinieri di Lanciano che hanno condotto le indagini, il medico legale Pietro Falco che ha effettuato l'autopsia sul corpo di Cesira Bambina Damiani, e la badante che quella domenica di febbraio trovò il corpo senza vita dell'anziana.

Quello della 88enne è il primo dei due femminicidi commessi a Casoli nel corso del 2023. Il secondo è quello di Michele Faiers Dawn, 66enne inglese uccisa a coltellate nella sua abitazione di contrada Verratti. Per il suo omicidio è indagato il compagno e connazionale Micheal Dennis Withbread, 74 anni, in carcere a Londra.

L'avvocato Silvana Vassalli

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Anziana strangolata a Casoli, si è aperto in Corte d'assise il processo per il figlio

ChietiToday è in caricamento