Cronaca

Ex infermiera di Lanciano deceduta dopo il vaccino Pfizer, l'autopsia: "Non c'è correlazione"

Celestina De Santis, 83 anni, si era sentita male poco dopo la seconda dose del vaccino anti Covid. Il decesso legato a un arresto cardiocircolatorio

L'autopsia su Celestina De Santis, l'ex infermiera di Lanciano morta venerdì scorso dopo aver effettuato il vaccino anti Covid, al momento ha escluso correlazioni tra il siero inoculato e il decesso, causato da un arresto cardiaco improvviso.

È questo il primo responso del medico legale Domenico Angelucci che questa mattina all'obitorio dell'ospedale di Chieti ha effettuato l'esame autoptico. Lo riporta l'Adnkronos. Il medico legale si è preso 90 giorni di tempo per effettuare ulteriori approfondimenti.

La donna di 83 anni si era sentita male circa mezz'ora dopo la somministrazione della seconda dose del vaccino Pfizer, avvenuta a San Vito Chietino. Sull'accaduto la Procura di Lanciano ha aperto un'inchiesta.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ex infermiera di Lanciano deceduta dopo il vaccino Pfizer, l'autopsia: "Non c'è correlazione"

ChietiToday è in caricamento