rotate-mobile
LIETO FINE / Vasto

Colpito da emorragia interna alla Pilkington: torna al lavoro il dipendente tedesco salvato al "San Pio"

I ringraziamenti del presidente Graziano Marcovecchio al direttore generale della Asl Lanciano Vasto Chieti e al direttore generale della Asl Teramo a quattro mesi da quel drammatico evento

In un momento storico in cui troppo spesso si sente parlare solo di malasanità in Italia, arriva una testimonianza sull’alto livello di competenze professionali delle strutture sanitarie degli ospedali San Pio di Vasto e Giuseppe Mazzini di Teramo, in particolare nella Chirurgia generale di entrambi i nosocomi

A scrivere è il presidente della Pilkington Italia spa, Graziano Marcovecchio, ricordando il dramma consumatosi lo scorso 18 luglio “quando un nostro collega della Nsg Germania – racconta - in visita per lavoro presso il nostro stabilimento di San Salvo, veniva colpito da una improvvisa e devastante emorragia interna. Trasportato d’urgenza nel nosocomio vastese, entrava in sala operatoria in condizioni estreme, iniziando l’intervento senza conoscere dove e come operare, dove e come cercare il grave problema insorto”.

Quella era la sera dell’invasivo blackout in tutto il circondario del vastese, con oltre 45 gradi di temperatura, e pertanto in condizioni di lavorare con i soli server di back up dell’ospedale. “Appena siamo accorsi – ricorda Marcovecchio - era immediatamente percettibile la rischiosità dell’intervento, soprattutto perché al buio (e Vasto era letteralmente davvero al buio!!) su quale era la strada da perseguire per risolvere il grave problema sanitario in corso. Ma l’abnegazione, le capacità professionali oltre che umane, nonché una straordinaria predisposizione a non lasciare nulla di intentato nonostante la tragicità del momento, salvavano senza ombra di dubbio la vita al nostro collega, qualità tutte riunite nel sapiente bisturi del dottor Fabio Fiore ed i suoi assistenti. Non sarei mai in grado di giudicare il valore di una prestazione sanitaria, e lungi da me qualsiasi tentativo per provarci, ma sono invece certamente testimone diretto degli elogi che ci hanno indirizzato i medici dell’ospedale di Stoccarda in Germania per la straordinaria qualità dell’intervento effettuato dal dottor Fiore, esternandomi, senza alcuna dubbia interpretazione, le sue capacità professionali tecnico-chirurgiche definite dai colleghi tedeschi, di altissimo livello”.

Qualche giorno dopo l’evento si decideva di trasferire il paziente presso il nosocomio di Teramo dove il primario Ettore Colangelo proseguiva le indagini post operatorie e il decorso per ulteriori due settimane, provvedendo poi al delicato “trasferimento assistito” alla volta di un nosocomio tedesco a Stoccarda. “Un medico – dice ancora il presidente Pilkington parlando del dottor Colangelo - ma soprattutto un uomo di grande umanità che non mi ha mai nascosto in quei giorni di sottolineare e ricordarmi sempre lo straordinario risultato ottenuto in urgenza quella notte in Vasto sotto la guida del dottor Fiore. Questi medici, oltre alle eccellenti qualità professionali messe in atto nell’effettuare un così complesso intervento chirurgico ed il successivo difficile percorso post-operatorio, pur facendo parte di unità operative e di nosocomi differenti, hanno dimostrato una collaborazione, un affiatamento ed un coordinamento impeccabili”.

Oltre ai doverosi ringraziamenti, che arrivano in concomitanza con il ritorno al lavoro del collega negli uffici Nsg in Germania, Marcovecchio nella sua lettera sottolinea come “la collaborazione tra le varie Asl e la comunione delle diversità di esperienze e di differenti specifiche professionalità, in questo caso hanno dunque costituito un valore aggiunto e non, come a volte accade, una negazione del venirsi in aiuto”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Colpito da emorragia interna alla Pilkington: torna al lavoro il dipendente tedesco salvato al "San Pio"

ChietiToday è in caricamento