menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Collegamenti veloci con l'università e tra Chieti e i comuni limitrofi: i cittadini incontrano l'ad di Panoramica

Prima iniziativa del neonato gruppo cittadino Fronte Comune teatino che ha incontrato Chiacchiaretta: "Ogni iniziativa di potenziamento è legata all'aumento dei km annuali previsti per Chieti"

Un incontro per chiedere migliori e più rapidi collegamenti tra il colle e il polo universitario e ospedaliero e tra la città e il suo hinterland. Lo ha avuto ieri mattina con l’amministratore delegato della Panoramica Franco Chiacchiaretta un gruppo di cittadini in rappresentanza del Fronte comune teatino.

“Chiacchiaretta, con il quale siamo stati a parlare per oltre un’ora, ci ha spiegato che il collegamento veloce centro-polo universitario ospedaliero è possibile, ma dipende dalla Regione, come tutto il sistema trasporti” riferisce Stefano Fagnano che ha partecipato all’incontro assieme a Giovanni Liberato e Marino Valentini

Chieti Comune "aggregatore"

Per quanto riguarda il miglioramento dei collegamenti tra Chieti ed il suo hinterland, l’ad della Panoramica ha informato i propri interlocutori circa una norma che vede Chieti come Comune accentratore nel quale la Panoramica potrebbe collegare il capoluogo con i comuni del suo hinterland (Ripa Teatina, Bucchianico, fino a Villanova e Cepagatti). “Ciò che però è il nodo cruciale di tutto – riprende Fagnano - è il numero di chilometri annuali assegnati alla nostra città: si può fare tutto ma vanno aumentati. Alla domanda sul perché Pescara è collegata ad altri quattro Comuni e Chieti solo a Manoppello, la risposta è stata lapidaria e purtroppo sincerissima: Chieti paga il calo demografico”.


Il collegamento col Megalò 

Tra le altre ‘scoperte’ riferite dai membri del Fronte comune teatino dopo il colloquio con Chiacchiaretta, anche il fatto che “la Panoramica presentò già all'epoca del sindaco Ricci un progetto di collegamento con il centro commerciale Megalò, progetto ripresentato all'attuale amministrazione comunale ed all'assessore Colantonio, che prevede una linea che parta dal Villaggio Mediterraneo e che, passando per il rondò di viale Unita d'Italia e per la stazione arrivi direttamente a Megalò per poi tornare indietro”.

Infine, si è parlato della "funicolare”: “Ci è stato detto che se davvero verrà realizzata, per Chieti sarà impossibile garantirne una manutenzione annuale che ha costi altissimi, nell'ordine del milione di euro".

Dipende dalla Regione

"Ringraziando la grande disponibilità dell'amministratore delegato Franco Chiacchiaretta, - sottolineano dal Fronte comune teatino - possiamo tirare un primo bilancio: la Regione decide, e D'Alfonso ne ha la delega, sul trasporto pubblico ed ogni iniziativa di potenziamento è legata all'aumento dei chilometri annuali previsti per Chieti. Dobbiamo approfondire e capire da chi dipenda l'attuazione di quella importantissima norma che prevede Chieti "Comune accentratore" del suo hinterland. Sviluppare, magari, l'idea di Chiacchiaretta di una casa dello studente anche nelle aree inutilizzate del vecchio ospedale. Ci siamo comunque ripromessi un incontro per altri chiarimenti, sperando si smuova chi di dovere”.

Bus notturni dal 18 gennaio a Chieti


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Scende l'Rt e Marsilio è fiducioso: "L'Abruzzo non sarà tutto rosso"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento