rotate-mobile
Mercoledì, 12 Giugno 2024
Attualità Chieti Scalo / Piazza Carafa Paolo IV

C'è un piano per trasferire gli uffici dello stato civile nella delegazione comunale dello Scalo

La caldaia rotta nella sede municipale provvisoria in corso Marrucino è stata l'occasione per avviare i sopralluoghi in vista di uno spostamento previsto nel programma elettorale del sindaco Ferrara

Il piano è ancora in una fase più che embrionale, ma si fa concreta l'intenzione dell'amministrazione comunale teatina di spostare gli uffici dello stato civile nella delegazione comunale dello Scalo, in piazza Carafa. Un trasferimento immane di risorse umane, materiali e tecnologia, che traslocherebbe servizi cruciali per i cittadini nella parte bassa della città. 

Un tema, va detto, presente nel programma elettorale di Diego Ferrara e siglato fra i punti cruciali del "Patto del cambiamento" firmato dal sindaco e dal vice Paolo De Cesare a settembre 2020. Erano i giorni concitati degli "apparentamenti" dopo il primo turno delle elezioni, a cui pochi giorni dopo seguì la vittoria della coalizione di centrosinistra guidata dall'attuale primo cittadino, appoggiata dalla carovana delle civiche di De Cesare e dal Movimento 5 stelle. 

E, ora, l'occasione per iniziare quell'iter è stato il guasto della caldaia nella sede provvisoria del Comune in corso Marrucino. L'impianto ha smesso di funzionare il 23 gennaio scorso, costringendo dipendenti e amministratori a indossare abbigliamento pesante e riscaldarsi con stufette elettriche portate da casa. Nei giorni scorsi, la ditta inviata dalla Banca d'Italia, proprietaria dell'immobile, ha iniziato i lavori per sostituire la caldaia. 

Nel frattempo, Ferrara aveva già riunito i funzionari per iniziare a programmare un trasferimento che prevedibilmente farà parlare, considerato che nelle sue intenzioni sarà definitivo.

Attualmente, la sede comunale riaperta nel 2014 ospita una biblioteca al piano interrato, gli uffici di Teateservizi al primo e al terzo piano e al secondo le assistenti sociali del Comune. Il sindaco ha già effettuato un primo sopralluogo per individuare gli spazi idonei ad accorpare gli uffici della società partecipata e destinare un piano allo stato civile. Più concretamente, significa che per fare la carta d'identità, registrare nascite, decessi e matrimoni, bisognerà rivolgersi non più alla sede municipale sul Colle, ma a quella dello Scalo. 

Attualmente, comunque, gli uffici restano in corso Marrucino. Se trasferimento sarà, bisognerà prima coinvolgere le rappresentanze sindacali, interpellare i dipendenti coinvolti e dare disposizioni per adeguare gli spazi alla nuova destinazione. Dopodiché, se il semaforo sarà verde, sarà necessario effettuare un inventario dei materiali da spostare e, solo alla fine di queste diverse tappe, gli uffici dello stato civile potranno trasferirsi definitivamente a Chieti Scalo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

C'è un piano per trasferire gli uffici dello stato civile nella delegazione comunale dello Scalo

ChietiToday è in caricamento