Da Parigi a Chieti in bicicletta, la storia di Gerard il pittore: "Qui ho trovato umanità"

Ospite della capanna d Betlemme, si è innamorato del capoluogo teatino dove ha scelto di vivere in comunità

La solitudine, la perdita degli affetti e l’amore per il nostro Paese. Sono questi alcuni dei motivi che hanno contribuito alla scelta di Gerard Branchet, parigino di 70 anni, che ha deciso di salire sulla sua bicicletta e avventurarsi verso l’Italia. 

Un viaggio piuttosto singolare che in tre mesi lo ha portato ad attraversare tutto lo stivale, da nord a sud, fino ad arrivare a Licata, in Sicilia (“Ho sempre desiderato vedere l’Etna e alla fine ce l’ho fatta”).

Da li è risalito fino ad arrivare in Abruzzo e infine a Chieti, dove oggi è ospite alla capanna di Betlemme in via Ravizza. “Ho trovato ospitalità e soprattutto tanta umanità”, dice Gerard,  che ha scelto il capoluogo teatino: all’inizio dormiva sotto uno dei portici del centro storico (“un posto tranquillo dove non ci sono pericoli”). I volontari della Capanna lo hanno incontrato e insieme a loro Gerard  ha intrapreso un percorso per vivere una vita di comunità, per non essere solo nel mondo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La sua nuova famiglia racconta che Gerard, ormai, è parte integrante nei vari progetti portati avanti dalla comunità Papa Giovanni XXIII che gestisce la struttura di via Ravizza. Inoltre, da qualche tempo lo si incontra spesso e volentieri all’esterno della chiesa di San Domenico, lungo corso Marrucino, intento a dipingere. “Realizzo quadri – spiega Gerard – e sono autodidatta. Iniziano a piacere e in tanti vogliono acquistarli. Io li vendo per essere indipendente e non chiedere elemosina”.  

Oggi Gerard Branchet chiede di ottenere la residenza in Italia per poter ricevere la sua pensione maturata in Francia. “Non chiedo nulla di materiale a questa città – spiega Gerard – solo l'umanità e il tanto affetto che ho ricevuto finora”.     

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Presunti favori dai vigili": il nome di Marsilio nella puntata di Report, ma il presidente respinge le accuse

  • La provincia di Chieti si spopola: Ortona e Lanciano perdono più abitanti

  • Il Wwf conferma: "Lupi avvistati e fotografati nella periferia di Chieti"

  • Test sierologici in tutte le farmacie abruzzesi: si inizia da studenti e loro familiari

  • La migliore pizzeria delivery di Chieti è Fermenta: il punto di vista del titolare Luca Cornacchia

  • Tragico incidente nella rimessa di casa: muore schiacciato dall'escavatore

Torna su
ChietiToday è in caricamento