Oggi si torna in palestra, lezioni fin dalle prime ore del mattino: "Entusiasmo e rispetto delle regole"

Sono ripartite questa mattina anche a Chieti e provincia le attività all’interno delle palestre. Anche in questo caso è grande la voglia di tornare alla normalità

Oggi, lunedì 25 maggio, riaprono le palestre in tutta italia, ad eccezione della Lombardia (dove sia palestre che piscine rimarranno chiuse almeno fino al 31 maggio) e la Basilicata (dove saranno chiuse fino al 3 giugno).

Fin dalle prime ore del mattino sulle pagine Facebook delle varie palestre di Chieti e provincia, foto e video testimoniano la voglia di allenarsi e tornare alla normalità: chi ne ha la possibilità ha organizzato uno spazio all’esterno.

Immagine-3-29Happy Fitness - Pretoro

La riapertura di palestre e piscine è permessa in base al decreto firmato il 17 maggio dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte, che ha allentato le restrizioni in vigore fino a quel momento a causa del coronavirus. "Entusiasmo e rispetto regole - il commento di Giuseppe D'Angelo, che gestisce una palestra a Pretoro - le persone conoscono le regole e hanno voglia di ripartire in sciurezza. Noi abbiamo anche lo spazio all'esterno che ci permette di organizzare un numero di corsi per coprire le tante richieste. È un primo piccolo passo verso la normalità".

Immagine-3-28Functional fit - Chieti

Per quanto riguarda l’igiene, le linee guida del governo prevedono che gli attrezzi e le macchine dovranno essere disinfettati dopo ogni utilizzo e quelli che non possono essere disinfettati non potranno essere utilizzati. Gli ambienti in generale dovranno essere puliti e disinfettati anche più volte al giorno e gli spogliatoi – armadietti compresi – dovranno essere puliti e disinfettati a fine giornata. Gli utenti dovranno usare calzature apposite riservate per la palestra e non dovranno condividere borracce, asciugamani e altri oggetti personali con altri utenti. 

chieti-15-3Crossgym - Chieti

Negli spogliatoi e nelle docce gli spazi devono essere organizzati in modo che sia sempre rispettata la distanza di almeno 1 metro tra una persona e l’altra; per farlo si può ad esempio separare diverse postazioni con delle barriere e regolamentare gli accessi. Anche negli altri ambienti bisogna trovare dei sistemi per garantire la distanza fisica di almeno 1 metro per le persone che non svolgono attività fisica e di almeno 2 metri per quelle che invece si stanno allenando, specie se intensamente. Per questo bisogna riorganizzare il posizionamento di attrezzi e macchine e regolamentare l’accesso a ognuno di essi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Concorso al Mibact: pubblicati gli avvisi per la formazione delle graduatorie, in Abruzzo 21 posti

  • Coprifuoco anche in Abruzzo? Marsilio: "Sì, se necessario"

  • Coronavirus a Chieti: 2 casi positivi e 7 persone in isolamento

  • Capodanno in autogrill a Brecciarola: l’evento diventa virale anche in Abruzzo

  • Firmato il nuovo Dpcm: tutti i divieti e le restrizioni in vigore per un mese

  • La resa dei conti nel centrodestra è arrivata: Febbo non è più assessore regionale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ChietiToday è in caricamento