rotate-mobile
Giovedì, 23 Maggio 2024
Altro

Addio a Gordon Singleton, pluricampione del mondo di ciclismo con l'Abruzzo nel cuore

E' stato primo canadese iridato su pista, nonchè il primo e unico ciclista nella storia a detenere contemporaneamente il record mondiale in tutte e tre le gare sprint

Il mondo del ciclismo e l'Abruzzo dicono addio al canadese Gordon Singleton, campione del mondo su pista, morto a 67 in Patria dopo una lunga malattia. Vera icona del pedale, con una bacheca ricca di trionfi e record, era molto seguito e conosciuto anche in Italia, Paese che ha eletto come sua seconda nazione, grazie al rapporto speciale che lo legava all'Abruzzo in particolare. Da anni infatti trascorreva lunghi periodi in Valle Peligna, segnatamente a Sulmona, partecipando anche come testimonial a numerose iniziative ciclistiche di solidarietà.

Tanti gli eventi ai quali il campione ha presenziato nei suoi vari periodi trascorsi in Abruzzo. Ad esempio nel 2018 fu testimonial in un evento alla villa comunale di Sulmona, che aveva già conosciuto nel 2012, grazie all'allora presidente provinciale della Federazione ciclistica italiana Fernando Ranalli. In quella occasione (manifestazione con oltre 150 bambini, organizzata dal Panathlon, dall’Oratorio Salesiano, dal Dopolavoro Ferroviario, dal Coni, dalla Fci e dall’Asd Confetti Pelino con la partecipazione dell’Avis e della Croce Rossa) Singleton dichiarò di aver apprezzat gli scenari del Centro Abruzzo visitati in lunghe passeggiate in bicicletta. Dalla Majella a Pacentro, passando per Campo di Giove e Calascio, il campione canadese rimase stregato dai paesaggi d'Abruzzo ma anche dalle prelibatezze culinarie locali. Un anno dopo sempre in zona partecipò all'evento “Bici contro il dolore”, replicata con la sua presenza anche nel 2022.

Gordon Singledon è stato il primo e finora unico ciclista nella storia a detenere contemporaneamente il record mondiale in tutte e tre le gare sprint del ciclismo: le distanze dei 200, 500 e 1000 metri. Singledon è entrato nella storia del ciclismo per essere stato il primo canadese ad aver vinto nel 1982 a Leicester (UK) un titolo mondiale di ciclismo su pista, nella specialità del keirin. Inoltre, si ricordano i due secondi posti nella prova di velocità maschile ottenuti ai mondiali maschili nel 1981 (Brno, Cecoslovacchia) e 1982 (Leicester), entrambi alle spalle del pluricampione giapponese Koichi Nakano. 

Nato l’8 agosto del 1956 a Niagara Falls (Canada), Singleton si è avvicinato al ciclismo da adolescente nel 1974. Subito si mise in mostra nei campionati nazionali canadesi giovanili, piazzandosi sempre sui primi gradini del podio. Nel 1975 nel suo primo anno di gare sul circuito d'élite, dopo aver trascorso una sola stagione tra gli juniores, Singleton vinse il campionato canadese di sprint maschile a Calgary nel 1975. Sarebbe stato il primo degli 11 titoli nazionali che Singleton avrebbe vinto ai Campionati canadesi di ciclismo. Nello stesso anno ha rappresentato il Canada al suo primo Campionato del mondo a Liegi, in Belgio. Anche se non finì con una medaglia, Singleton, insieme a Jocelyn Lovell, guidò un'impennata canadese sulla scena ciclistica negli anni '70 e '80. Gordon maturò in questo periodo l’ambizione di diventare un ciclista sprint internazionale e per questo si stabilì a Liverpool, nel Regno Unito, dove incontrò il suo futuro allenatore e mentore, Eddie Soens.

Singleton ha rappresentato il Canada ai Giochi Olimpici del 1976 a Montreal. Seppur non ha vinto titoli, è diventato il primo velocista canadese a raggiungere 1/8 di round nello sprint dei 1000 metri. Continuerà a salire nelle classifiche internazionali e rappresenterà nuovamente il Canada nel 1978, questa volta ai Giochi del Commonwealth, che si svolsero a Edmonton. Per la prima volta nella sua carriera, Singleton vinse una medaglia in una competizione internazionale, quando portò a casa il bronzo nella cronometro dei 1000 metri. In seguito, fece squadra con Jocelyn Lovell nel Tandem Sprint, e la coppia portò a casa l'oro. Nel 1979, Singleton è stato uno dei primi tre corridori di sprint al mondo, e sarebbe rimasto tra i primi 3 fino al 1982. Quell'anno vinse la sua prima medaglia a livello mondiale, un argento nella cronometro dei 1000 metri ai Campionati del mondo di Amsterdam. Singleton ha poi gareggiato ai Giochi Panamericani del 1979 a Porto Rico, dove ha vinto il doppio oro, nella cronometro dei 1000 metri e nel Match Sprint.

Nel 1980, al culmine della sua carriera, Singleton era il ciclista sprint numero 2 al mondo e uno dei favoriti per le medaglie d'oro alle Olimpiadi estive di quell'anno. Tuttavia, quando i canadesi si unirono al boicottaggio guidato dagli Stati Uniti delle Olimpiadi di Mosca, a causa dell'invasione sovietica dell'Afghanistan, Singleton fu privato di competere nella sua seconda Olimpiade. In assenza delle Olimpiadi, l’atleta decise di attaccare tutti e 3 i record mondiali sulle distanze sprint. Durante un periodo di 24 ore, Singleton stabilì nuovi record mondiali in tre appuntamenti separati: i 200, 500 e 1000 metri. È stato il primo, e rimane l'unico ciclista nella storia a detenere contemporaneamente il record su queste tre distanze. L'anno successivo, il 1981, Singleton vinse la medaglia d'argento nei 200 metri, dietro al giapponese Koichi Nakano.

Nel 1982, la vittoria nel campionato del mondo di ciclismo, sconfiggendo il due volte campione Clark e vincendo la medaglia d'oro nel keirin. Nella sua ultima gara, affrontando nuovamente Nakano nell'evento match sprint, si è scontrato con il giapponese, il cui risultato è stato una frattura alla clavicola, costringendolo al ritiro e ad accontentarsi della medaglia d'argento. Nello stesso anno vinse il primo posto al Gran Premio di Londra, Inghilterra, stabilendo i record britannici per i 200 e 500 metri.

Dopo un periodo di assenza, Singleton è rientrato nel ciclismo agonistico negli anni '90. Ha trionfato al suo ritorno all'evento World Masters nel 1998, dove ha vinto due volte la medaglia d'oro, nello sprint e nella cronometro dei 750 metri (categoria 40-45 anni). Nel 2006, Singleton si è poi ripetuto nella categoria sprint, questa volta nella categoria dai 50 ai 55 anni, portando a casa l'oro.

 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Addio a Gordon Singleton, pluricampione del mondo di ciclismo con l'Abruzzo nel cuore

ChietiToday è in caricamento