Politica

Presentata la proposta per redigere il regolamento per l'affidamento di aree verdi e spazi pubblici

La presidente della VI commissione Di Roberto ha depositato la proposta di deliberazione per redigere il regolamento che consentirà ai cittadini di dare un contributo concreto nella cura della città

Anche Chieti avrà un regolamento per l'affidamento e la sponsorizzazione di aree pubbliche e aree verdi. La presidente della VI commissione Statuto e regolamento, la consigliera del Partito Democratico Barbara Di Roberto, ha presentato la proposta di deliberazione per l'istituzione del documento. 

Dunque, privati cittadini, associazioni e comitati potranno avere un ruolo attivo nella cura e nella cura e nella gestione condivisa degli spazi pubblici e del verde. 

“Già durante la scorsa campagna elettorale, come pure in questi primi mesi di amministrazione comunale - commenta la consigliera Di Roberto - i nostri concittadini hanno palesato, a più riprese e in diversi contesti, la propria aspettativa di veder tornare Chieti a quella antica bellezza rimpianta non solo dai più anziani, ma dai tanti che, allontanatisi per motivi di studio o lavoro, l’hanno in seguito ritrovata imbrutita, trascurata, svuotata di potenzialità e privata di ogni aspettativa di miglioramento e soprattutto sviluppo. Mi sono resa conto, quindi, che una delle prime richieste che pervengono dalla nostra collettività è quella del migliorare la qualità della vita in città. Qualità che innegabilmente passa anche dal garantire decoro urbano, pulizia in generale, tutela del proprio territorio, attenzione per l’Ambiente, gestione e cura delle Aree Pubbliche e degli Spazi Verdi cittadini che, soprattutto oggi in cui le precauzioni da contagio Covid ci costringono al chiuso e all’isolamento, rappresentano quella Bellezza di cui non solo si ha bisogno, ma che è innanzitutto Diritto di quanti nel capoluogo teatino vivono, studiano o lavorano”.

“A queste riflessioni personali - aggiunge - si è logicamente sovrapposta l’evidenza che una città più curata, esteticamente accogliente, valorizzata in tutti i suoi dettagli urbanistici, diventa per sua natura più attrattiva e quindi più facilmente inserita in percorsi di sviluppo di un proprio marketing territoriale che, per noi, non può che essere turistico-culturale, con il valore aggiunto di essere al contempo città universitaria, con un importante policlinico universitario, logisticamente situata nel cuore di un’area metropolitana di cui si può diventare protagonisti e non inerti spettatori”. 

Le difficoltà economiche dell'ente rendono difficile al Comune investire le risorse adeguate per il verde pubblico. Così, secondo le modalità che verranno definite dal regolamento, i cittadini potranno proporsi per prendersene cura. 

“Non si vuole cadere nella inutile polemica di parte - specifica la consigliera PD - attribuendo colpe e responsabilità al passato, giacché il giudizio è stato palesemente espresso dagli elettori nelle elezioni che ci hanno deputato al governo della città. Ma corre l’obbligo ricordare la difficile eredità economico-finanziaria trovata al nostro insediamento, e che è ancora in fase di definitivo accertamento e risoluzione. Situazione che rende improbabile la possibilità e la capacità dell’Ente comunale del poter provvedere in tempi rapidi a ripristinare condizioni di decoro, in specie al proprio verde pubblico.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Presentata la proposta per redigere il regolamento per l'affidamento di aree verdi e spazi pubblici

ChietiToday è in caricamento