menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Taglio Prefettura, "La provincia di Chieti passi al Molise"

La proposta provocatoria del sindaco di Orsogna, Fabrizio Montepara, di un referendum tra i cittadini. "Non si possono mettere sulla bilancia - sostiene - i soli centri urbani di Chieti e Pescara da una parte e di L'Aquila e Teramo dall'altra"

Contro la soppressione della prefettura di Chieti e l’accorpamento con quella di Pescara progettato dal Governo arriva la proposta provocatoria del sindaco di Orsogna, Fabrizio Montepara: un referendum tra i cittadini per staccare la provincia di Chieti dall’Abruzzo e farla diventare il Nord della Regione Molise.

“Questa del taglio delle Prefetture - afferma il sindaco Montepara - è una questione che riguarda interi territori, centinaia di migliaia di cittadini, non le singole città. Non si possono mettere sulla bilancia i soli centri urbani di Chieti e Pescara da una parte e di L’Aquila e Teramo dall’altra. La soppressione della Prefettura per quanto ci riguarda avrebbe conseguenze da Francavilla al Mare a Schiavi d’Abruzzo”. 

Montepara, che è anche presidente nazionale di Res Tipica Anci e vicepresidente dell’associazione Città del Vino ricorda che “la provincia di Chieti è la più popolosa della regione con quasi 400mila abitanti. ? la più ricca, poiché incide per circa il 50% sul Prodotto interno lordo abruzzese, grazie ai suoi insediamenti industriali e alla sua agricoltura, a partire dalla produzione vitivinicola. Ha una storia e una cultura millenarie. Le sue istituzioni sono antiche e consolidate: senza nulla togliere a nessuno, è un fatto che fino al 1927 la provincia di Pescara nemmeno esisteva”.

Da qui la proposta ai sindaci e ai consigli comunali della provincia di Chieti di deliberare contro il progetto di soppressione della Prefettura “che è destinato a provocare un effetto a cascata sugli altri enti collegati, compresa la Questura, i Vigili del Fuoco e tutto ciò che rappresenta un presidio di sicurezza per i cittadini. A tal fine – annuncia - sarà a breve predisposta una delibera ad hoc da sottoporre ai Comuni”. Ma se l’attuale mobilitazione non basterà, Montepara assicura che non esiterà a proporre un referendum per staccare Chieti dall'Abruzzo e confluire nel Molise, “dove l’importanza e il ruolo della provincia di Chieti sono ben chiari, i rapporti sono saldi e quotidiani e il nostro territorio sarebbe valorizzato in maniera nettamente più adeguata e vantaggiosa per i nostri cittadini”.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È morto il notaio Giuseppe Tragnone: aveva 70 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento