rotate-mobile
Giovedì, 20 Gennaio 2022
Politica

Polizia municipale aiuta donna teatina in difficoltà, Silvio Di Primio (La Sinistra con Diego): "No a elemosine e collette"

Il consigliere di maggioranza critica l'operato degli che agenti hanno consegnato i generi alimentari donati dalla Capanna di Betlemme, oltre a buoni spesa e denaro in contanti

"Ha fatto bene ma...". Il consiglere comunale di Chieti Silvio Di Primio (La Sinistra con Diego) commenta l'azione della polizia municipale, coordinata dal vice comandante Fabio Primiterra che a inizio settimana ha reso nota la storia di una donna teatina in difficoltà, aiutata dagli agenti.

Bene ha fatto il vice Comandante dei vigili urbani a prendersi a cuore le sorti di una persona in gravi difficoltà economiche e senza famigliari ed a intervenire prontamente ma ci si sarebbe aspettati che, invece di rivolgersi a terzi con tanto di foto e articoli di stampa, avesse provveduto a segnalare tempestivamente il caso al settore Politiche Sociali attivando immediatamente il Pis (Pronto Intervento sociale)".

Di Primio critica l'operato degli agenti perchè "invece di qualche pacco alimentare e degli spiccioli raccolti con la colletta fra i vigili, opera comunque meritoria, la persona in questione sarebbe stata seguita, come avverrà adesso, in ben altro modo e senza clamori di stampa. Su questo servizio l’Assessorato all’Inclusione Sociale ha stanziato oltre 230 mila euro da gestire con la massima trasparenza ed efficacia. Sono tante le persone e le famiglie che, finora, hanno beneficiato dei suddetti interventi che, ribadiamo, sono stati introdotti da questa amministrazione di centrosinistra in perfetta trasparenza".

Per il consigliere di maggioranza "evidentemente qualche funzionario del Comune non ne è a conoscenza e continua ad operare alla vecchia maniera e cioè facendo elemosine e collette ad personam e fuorviando la cittadinanza e anche l’opinione pubblica che potrebbe pensare che a Chieti i Servizi Sociali non esistono. Di sicuro non dubitiamo della buona fede del funzionario in questione ma sicuramente dovrebbe essere a conoscenza di ciò che l’Assessorato all’Inclusione Sociale ha messo in campo in poco meno di un anno".
 

Il Pis è un misura di welfare che garantisce interventi sociali urgenti consentendo di intervenire tempestivamente per rispondere alle esigenze di cittadini in grave situazione di marginalità ed emergenza sociale improcrastinabile che si trovano nel territorio cittadino, residenti e non, le cui finalità, tra l’altro, sono quelle di:     Garantire la disponibilità costante per un adeguato intervento immediato anche con presaa in carico residenziale; fornire azioni di sostegno economico ed assistenza, ove necessaria,  psico- sociale e di base; abbassare il grado di criticità personale del soggetto accolto attraverso l’avvio di un percorso di sostegno.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Polizia municipale aiuta donna teatina in difficoltà, Silvio Di Primio (La Sinistra con Diego): "No a elemosine e collette"

ChietiToday è in caricamento