Giovedì, 21 Ottobre 2021
Politica Vasto

Una nuova assunzione al consorzio di bonifica sud, mentre non diminuiscono i canoni per gli agricoltori

Contratto di 24 mesi deliberato a qualche giorno dal Ferragosto dal commissario Amicone, ma il consigliere regionale Febbo attacca: "Ha trasformato l'ente in un postificio"

Nuova assunzione a pochi giorni dal Ferragosto al Consorzio di bonifica sud di Vasto, a opera del commissario Amicone. E oggi il consigliere regionale di Forza Italia Mauro Febbo, da tempo critico nei confronti dell'operato di Amicone, lo accusa di

trasformare l’ente vastese sempre più in un ‘postificio’ riservato esclusivamente agli amici degli amici ed affini del Partito Democratico.

Accade infatti che l'8 agosto scorso, il commissario firma la delibera numero 299, approvando l'assunzione a tempo determinato di un impiegato profilo B da inserire nel catasto per la durata di 24 mesi a decorrere dal 1° settembre prossimo. Con lo scorrimento di una graduatoria già valida, viene scelta Simona Boschetti che, stando alle accuse di Febbo 

sembrerebbe essere parente diretta di Guglielmo Boschetti, noto professionista del vastese e vicinissimo al Partito Democratico già collaboratore dello stesso Consorzio e già consulente del presidente D’Alfonso. Se dovesse risultare vera e fondata la mia denuncia, credo che siamo di fronte all’ennesima "porcata" messa in atto da una precisa classe dirigente che offende sia le istituzioni sia i giovani disoccupati che hanno partecipato alla stessa procedura concorsuale. Credo che ci troviamo di fronte ad atto di pura arroganza e di una gravita inaudita visto che ancora non viene neanche approvato il bilancio dell’ente.

Febbo attacca un altro documento, con la nomina a presidente della commissione di collaudo amministrativo del lotto 7 di Chiauci, per un importo di euro 44.100 euro, dell'ingegner Gabriele Luciano Di Pierdomenico di Pescara, noto nel pescarese per gli incarichi assunti alI'Ersi.

Conclude Febbo:

Inspiegabilmente l’importo del compenso supera la soglia di euro 40mila euro prevista per gli affidamenti diretti. Ritengo opportuno che il commissario Amicone, prima di uscire sulla stampa con denunce senza alcun fondamento, dovrebbe invece dare molte spiegazioni ai vastesi e agli agricoltori che stanno pagando un canone quasi triplicato, nonostante il contributo regionale di 500mila euro già erogato e incassato. La credibilità e l’immagine del Consorzio di Bonifica Sud sono state invece compromesse proprio dalla gestione commissariale di Amicone e dalle sue ultime scellerate scelte, messe in atto attraverso assunzioni, consulenze di persone e professionisti provenienti dal pescarese e di un direttore (ingegnere) indagato e allontanato dal Consorzio di Chieti, tutti pagati grazie ai canoni consortili aumentati.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Una nuova assunzione al consorzio di bonifica sud, mentre non diminuiscono i canoni per gli agricoltori

ChietiToday è in caricamento