rotate-mobile
Politica

La maggioranza si spacca sulla richiesta di dimissioni dell'assessore Di Biase

Forza Italia e Udc non partecipano al voto sull'ordine del giorno di Raimondi (L'Altra Chieti). E Di Pasquale (Ncd) si dice indignato


Quando è arrivato il momento del voto, però, i gruppi più corposi della maggioranza sono usciti dall’aula. Un fatto che ha scatenato l’ira di Franco Di Pasquale, consigliere di Ncd, che ha preso la parola per far mettere a verbale la sua opinione: “Non mi sono mai vergognato tanto di sedere in consiglio comunale: quello che sta succedendo è una vergogna”. Alla fine, l’ordine del giorno è stato respinto con soli 9 voti contrari e 8 favorevoli, ossia quelli dei consiglieri di minoranza presenti. In blocco, gli esponenti di Forza Italia e Udc sono usciti rischiando persino che l’ordine del giorno passasse. Hanno partecipato al voto solo i consiglieri di Ncd, Identità Teatina e Fratelli d’Italia, oltre ovviamente alla minoranza di 5 stelle, Pd, Chieti per Chieti e L’Altra Chieti. Seppur senza alcuna conseguenza diretta nel mandato dell’assessore al Commercio, sarebbe stato un segnale pesantissimo, considerata l'aria già poco rosea nella maggioranza.

Beghe della maggioranza a parte, lo scontro si è registrato durante la discussione delle due delibere per il riconoscimento dei debiti fuori bilancio, per 2 milioni e 992mila la prima, di quasi 846mila euro la seconda, derivanti da sentenze per cui il Comune è risultato soccombente in due diversi procedimenti giudiziari. Ma, per raggiungere queste somme, l’ente ha dovuto togliere momentaneamente fondi ad altre opere già previste, la più eclatante delle quali è un intervento per la vulnerabilità sismica della scuola Villaggio Celdit

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La maggioranza si spacca sulla richiesta di dimissioni dell'assessore Di Biase

ChietiToday è in caricamento