Politica

Erogatori di acqua nelle scuole per abbattere la produzione di plastica: la proposta di Ideabruzzo

Dopo le casette dell'acqua, di cui è già stata installata la prima, il gruppo politico chiede ai presidi e al Comune di sensibilizzare anche i più piccoli

Installare erogatori di acqua nelle scuole, per favorire l'uso di borracce o bottiglie riutilizzabili ed evitare lo spreco di plastica. È la proposta avanzata da Andrea Di Ciano di Ideabruzzo ai dirigenti dei quattro istituti comprensivi di Chieti e all'assessore alla Pubblica Istruzione Carla Di Biase. 

Un mese fa, in via Ricciardi, a Chieti Scalo, è stata installata la prima casetta dell'acqua, a cui ne seguiranno altre sei. Per questo, Di Ciano chiede la "continuità di un ambizioso progetto di valorizzazione di un bene primario come l’acqua", per educare i più piccoli all'uso dell'acqua del rubinett.

"L'idea - spiega - è quella di installare un erogatore per ogni plesso scolastico, così che tutti i bambini e ragazzi possano apprezzare l’acqua pubblica e farsi promotori del suo utilizzo nelle proprie famiglie, abbandonando così l'utilizzo delle bottigliette di plastica. Tra i benefici dell’iter formativo tra Comune e scuola vi sarà l’abbattimento della quantità di rifiuti prodotti, in particolare la plastica delle bottigliette, e insieme contribuire a diminuire i costi di smaltimento a carico dei cittadini". 

Secondo i calcoli di Ideabruzzo, questa iniziativa permetterebbe di abbattere la produzione di circa 100/150 mila bottiglie di plastiche in meda per un istituto scolastico medio grande.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Erogatori di acqua nelle scuole per abbattere la produzione di plastica: la proposta di Ideabruzzo

ChietiToday è in caricamento