rotate-mobile
Mercoledì, 22 Maggio 2024
Elezioni

Lettera aperta del presidente di Erga Omnes ai neo eletti: " Riconoscere e coinvolgere il potenziale del volontariato"

L'appello di Pasquale Elia, alla guida di un realtà di volontariato che opera a Chieti dal 2011, a chi andrà a sedere nel nuovo consiglio regionale

Arriva da Pasquale Elia, teatino d'adozione, presidente dell'associazione Erga Omnes, associazione di volontariato nata a Chieti nel 2011, una lettera aperta ai neo eletti del consiglio regionale d'Abruzzo sulla "cittadinanza attiva come pilastro della società abruzzese". 

"Nell'Abruzzo forte e gentile - spiega Elia - il volontariato è il cuore vibrante e solidale che svolge un ruolo cruciale nell'edificare connessioni umane, alleviare le disparità sociali e promuovere la crescita collettiva". L'obiettivo è incitare gli eletti "a riconoscere e valorizzare l'importanza del volontariato come strumento essenziale per il benessere della comunità e la costruzione di un tessuto sociale resistente e resiliente. Questo riconoscimento va fatto non a parole, nel linguaggio comune 'politichese' (tipico solo per accaparrare voti), ma instaurato concretamente, in una comunicazione politica vera, efficiente ed efficace".

"Cari politici - esordisce la lettera - la cittadinanza attiva è il fondamento su cui si erige una società migliore e inclusiva. I volontari agiscono come ambasciatori di questo concetto, dedicando il loro tempo e le loro competenze per affrontare molte sfide, locali e non, nei vari aspetti del sociale. I futuri leader politici devono abbracciare e promuovere attivamente questo spirito di partecipazione civica, incoraggiando i cittadini a essere protagonisti attivi del cambiamento".

"Il volontariato funge da collante sociale - prosegue - unificando le persone attraverso la condivisione di esperienze e il servizio agli altri. I vari eletti, non solo coloro che avranno incarichi nelle politiche sociali, dovrebbero riconoscere il potenziale del volontariato nel creare coesione sociale, abbattendo barriere e promuovendo un senso di comunità che va oltre le differenze individuali. La collaborazione tra pubblico, privato e terzo settore può diventare il motore trainante di un progresso sostenibile, per un Abruzzo che ha davvero desiderio di crescere, sotto vari punti di vista. I giovani sono la linfa vitale di qualsiasi società, il carburante del motore del progresso, portatori di nuove idee, energie e prospettive. L’associazione Erga Omnes, che opera nell’ex centro sociale San Martino a Chieti Scalo, lo sa bene perché trainata da studenti e giovani professionisti che si mettono in gioco e mettono a disposizione le loro competenze per il bene comune, per il benessere psico-sociale della comunità. Incentivare la partecipazione giovanile nel volontariato non solo apre opportunità di crescita individuale, ma contribuisce anche a plasmare una nuova generazione di cittadini responsabili e consapevoli. I decisori politici dovrebbero impegnarsi nel fornire risorse e programmi che favoriscano, inoltre, l'attiva partecipazione dei giovani competenti, trasformandoli così in agenti di cambiamento positivo per la società, permettendo loro di crescere a livello personale e professionale, generando così anche crescita sociale ed economica".

"Il volontariato giovanile - scrive ancora Elia - non è solo un atto di generosità, ma un investimento nel tessuto sociale che rafforza, inoltre, il legame tra le generazioni, garantendo sostenibilità. Mi auguro che chi andrà a governare (ma anche chi non è stato eletto deve maturare questa importante consapevolezza) possa tenere ben presente questo mio appello e spero possa essere davvero sensibile e competente, invitando le associazioni a dire la propria su proposte e leggi, facendo partecipare i 'portatori di interesse', in particolare i giovani, a un tavolo di lavoro ben strutturato, per collaborare nel raggiungimento dei vari obiettivi prefissati, per il bene di tutti gli abruzzesi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lettera aperta del presidente di Erga Omnes ai neo eletti: " Riconoscere e coinvolgere il potenziale del volontariato"

ChietiToday è in caricamento