Elezioni Provincia di Chieti, Di Primio: ottima affermazione per NCD

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ChietiToday

 Il Coordinatore Provinciale di NCD, Umberto Di Primio, a commento dei risultati delle elezioni della Provincia di Chieti, ha dichiarato quanto segue.

"Esprimo soddisfazione per l’elezione, in seno al nuovo Consiglio Provinciale di Chieti, dell’avv. Carla Di Biase. Un risultato lusinghiero per lei e tutto il Nuovo Centro Destra.
Dall’analisi dei dati, la consigliera Di Biase, sostenuta da un nutrito gruppo di consiglieri del Comune di Chieti e grazie ad una buona affermazione negli altri Comuni, è risultata seconda nella sua lista e terza in tutto il Centrodestra e ciò nonostante i 940 voti annullati (6 schede) che, ove assegnati, le avrebbero permesso di essere prima in tutto il Centrodestra e quarta in assoluto.
Dati incontrovertibili che, sommati a quelli degli altri candidati del partito, dimostrano la ramificazione di NCD sul territorio e la grande voglia di rinnovamento che popola diversi amministratori del Centrodestra.
Si deve ripartire da questi risultati per rilanciare il progetto politico del Centrodestra che, solo unito, può tornare a vincere.
Minare l’esistente, per dare sfogo ad ambizioni personali o per affermare posizioni all’interno di questo o quel partito, è gioco pericoloso ed irresponsabile che ha già dimostrato a chi lo fa, che così si perde.
Come NCD lavoreremo senza risparmiarci per ricostruire un Centrodestra che sia inclusivo e non escludente.
Dobbiamo valorizzare gli amministratori che lavorano nei piccoli centri e che quotidianamente, in nome dei valori del Centrodestra, garantiscono ai propri cittadini i servizi. Dobbiamo lavorare alacremente se vogliamo rivincere a Chieti e vogliamo riconquistare città perse per gli errori di chi ha gestito i partiti in passato.
È necessario aggiornare i file del Centrodestra partendo dalle esigenze della gente, abbandonando la politica dell’arroganza e della supponenza che per troppo tempo ha caratterizzato alcuni tra noi, allontanando elettori e simpatizzanti.
Il risultato di Chieti è un buon punto di ripartenza".

Torna su
ChietiToday è in caricamento