rotate-mobile
Martedì, 16 Aprile 2024
Elezioni

Boccia (Pd) sugli investimenti in Abruzzo: "Il governo ruba i soldi degli abruzzesi"

Il capogruppo Pd al Senato ieri a Lanciano in sostegno della candidatura di Luciano D'Amico alla presidenza della Regione

"Ci voleva la campagna elettorale, e la sconfitta in Sardegna che ancora brucia alla destra, per far riscoprire al governo improvvisamente le priorità dell'Abruzzo. Peccato però che lo faccia con il gioco delle tre carte! Sono mesi che chiediamo al governo di rimettere le risorse tagliate sul Pnrr e di sbloccare una serie di investimenti programmati. Oggi, strumentalmente, il Cipess, Comitato interministeriale, ha riscoperto le priorità abruzzesi, a partire dalla Roma-Pescara. Peccato, però, che lo faccia con i soldi sottratti agli abruzzesi dal Fsc che erano destinati ad altri investimenti, non garantendo la copertura integrale che, invece, avevamo ottenuto noi, con il varo del nrr, poi tagliato sempre dal governo Meloni, con la complicità del presidente Marsilio che non ha mai protestato". Lo ha detto Francesco Boccia, presidente dei senatori Pd, intervenendo a Lancianoad un'iniziativa elettoralea sostegno del candidato Luciano D'Amico.

"Una goffa operazione da campagna elettorale - ha continuato -  venuta molto male, che toccherà il momento peggiore nella farsa che sarà organizzata la settimana prossima prima delle elezioni regionali, dalla presidente Meloni con lo stesso Marsilio. Il governo offende l’intero Abruzzo e tutti gli abruzzesi, prima tagliando quasi 1.6 miliardi stanziati nel Pnrr per poi ridargli solo 700 milioni del fondo di sviluppo e coesione per un investimento come la Roma Pescara che era e resta assolutamente prioritario". 

Quanto alla colazione, Boccia ha ribadito la coesione del centrosinistra: "In Abruzzo le opposizioni si presentano unite, coese, in sostegno di Luciano D'Amico. Perché la sfida alla destra italiana nazionalista, anti europea e secessionista si vince insieme, con coraggio e generosità da parte di tutti. Le opposizioni quando si uniscono possono vincere le elezioni e la Sardegna lo dimostra. E qui in Abruzzo oltre a Pd, M5S e Avs fanno opportunamente parte della coalizione anche Azione, Italia Viva e tante forze civiche liberal; ci presentiamo con una coalizione larga che condivide lo stesso progetto per l'Abruzzo. Il governo - ha concluso -avrà anche la maggioranza nei palazzi ma non è maggioranza nel Paese, c'è un pezzo di paese che chiede un'alternativa e qui in Abruzzo la stiamo costruendo insieme. Il campo c'è e auspico che possano farne parte tutti coloro che in Italia e in Europa si sentono alternativi ai sovranisti, ai nazionalisti e agli ultranazionalisti".  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Boccia (Pd) sugli investimenti in Abruzzo: "Il governo ruba i soldi degli abruzzesi"

ChietiToday è in caricamento