Martedì, 26 Ottobre 2021
Politica

Commissione mensa rinviata a meno di 24 ore dalla convocazione, le opposizioni denunciano irregolarità

"Non può essere rinviata - dicono i capogruppi di minoranza - come da regolamento si farà e risponderemo all'appello. In caso contrario ci vedremo costretti ad adire l'autorità giudiziaria e la magistratura competente"

La commissione mensa convocata per la giornata di martedì 12 ottobre a Chieti è stata rinviata a data da destinarsi per indisponibilità di alcuni componenti. È quanto si legge nel documento protocollato oggi e sottoscritto dalla presidente Gabriella Ianiro.

La commissione pubblica istruzione sulla questione mensa era stata richiesta dai gruppi di opposizione all'indomani del caos scoppiato nelle scuole comunali per la mancata partenza del servizio di refezione scolastica, gi stessi che domani, assicurano, parteciperanno alla convocazione e, in caso di problemi, non esiteranno a rivolgersi all'autorità competente.

I capogruppi di minoranza Carla Di Biase, Serena Pompilio, Giampiero Riccardo, Mario De Lio, Maurizio Costa, Bruno Di Iorio, Mario Colantonio si dicono stupiti di aver appreso la comunicazione del rinvio della commissione richiesta a meno da 24 ore dalla stessa.

"Solo poche ore fa - riferiscono in una nota congiunta - ci siamo visti recapitare una mail in cui si rinvia la commissione a data da destinarsi per assenza di alcuni componenti. Il tutto senza alcun fondamento giuridico, in quanto secondo il regolamento dell'Ente il motivo addotto non è causa di rinvio. La commissione infatti si costituisce o meno solo dopo l'appello, in caso di mancanza del numero legale si rinvia per ordine del presidente. I componenti inoltre possono delegare un membro del loro gruppo".

Per le opposizioni teatine, tale decisione appare come "escamotage che serve solo all'amministrazione per perdere ulteriore tempo prezioso e nascondere la loro totale confusione e mancanza di capacità amministrativa sul caos mensa. Tali motivi ci hanno indotto a scrivere al presidente di commissione, dottoressa Ianiro, e per conoscenza al presidente del Consiglio e al segretario generale, esponendo le nostre motivazioni e denunciando la irregolarità di tale rinvio, precisando che per noi tale atto è nullo e la commissione, come da regolamento si farà e risponderemo  all'appello. In caso contrario ci vedremo costretti ad adire l'autorità giudiziaria e la magistratura competente. Per noi tutti - concludono - il problema mensa è una questione prioritaria da chiarire,  affrontare e risolvere ma no da nascondere e ulteriormente procrastinare".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Commissione mensa rinviata a meno di 24 ore dalla convocazione, le opposizioni denunciano irregolarità

ChietiToday è in caricamento