Politica

Case popolari, stretta del Comune sui morosi: via chi non paga da sei mesi

L'assessore Maria Rita Salute: "Via dagli alloggi chi è proprietario di altre abitazioni e chi ha un reddito superiore a quanto stabilito per legge"

l’assessore alle Politiche della Casa, Maria Rita Salute

Stretta contro i morosi degli alloggi popolari a Chieti dell’assessore alle Politiche della Casa, Maria Rita Salute, che annuncia gli ultimi provvedimenti disposti dall’amministrazione Di Primio sulla corretta gestione del patrimonio di edilizia residenziale pubblica.

In questi giorni diverse lettere sono state recapitate agli assegnatari che si sono resi morosi nel pagamento dei canoni con l’invito ad effettuare immediatamente il pagamento: in caso di morosità superiore a sei mesi nel pagamento del canone di locazione e delle quote accessorie, il Comune fa sapere che il contratto si considererà risolto e si procederà al recupero delle somme non versate, alla decadenza dall’assegnazione.  

Provvedimenti anche per chi ha un reddito superiore a quanto stabilito per legge. “Dopo gli accertamenti capillari eseguiti d’ufficio dal Servizio di Politica per la Casa per la verifica dei requisiti di permanenza negli alloggi popolari – annuncia l’assessore Salute -  sono stati avviati i procedimenti amministrativi di decadenza per tutti coloro che risultano percettori di redditi superiori al limite previsto dalla legge o che sono risultati  proprietari di immobili ad uso abitativo.

Non si può e non si deve consentire che chi è al di fuori delle regole continui a detenere in modo fraudolento alloggi destinati alle fasce più deboli”.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Case popolari, stretta del Comune sui morosi: via chi non paga da sei mesi

ChietiToday è in caricamento