rotate-mobile
Mercoledì, 17 Agosto 2022
Università

Università d'Annunzio, scatta la protesta: "Nominate i rappresentanti degli studenti"

L'associazione degli universitari scrive al rettore: "Assurdo entrare in carica a novembre, ora si decide su tasse, calendario didattico e appelli"

“Nominate i rappresentanti degli studenti”. Lo chiede con forza 360Gradi, l'associazione di studenti universitari dell'ateneo d'Annunzio di Chieti-Pescara, che ha scritto anche al rettore.

“Nonostante si siano svolte le elezioni di rinnovo della rappresentanza studentesca nell’università di Chieti-Pescara dopo ben 4 anni di attesa (rispetto ai 2 anni previsti per legge)”, scrive in una nota l'associazione, “il rettore non ha ancora provveduto a nominare gli studenti eletti per l’ingresso negli organi collegiali di ateneo, determinando pertanto situazioni svantaggiose per tutta la componente studentesca!”.

“Nella giornata di ieri, infatti, si doveva tenere un’importantissima riunione della Consulta degli studenti”, continua 360Gradi, “che, per chi non lo sapesse, è un organo di rappresentanza ad esclusiva componente studentesca e gestito dagli studenti che è tenuto ad esprimere pareri su documenti di importanza massima per la qualità della vita studentesca in ateneo e non solo. Nell’ordine del giorno era previsto di dover esprimere un parere sul Regolamento tasse e contributi e sul Manifesto degli studi. Tuttavia, dato che dei superstiti 19 rappresentanti nell’organo (dai 34 eletti nel 2018) solo in 6 si sono presentati ad una seduta online, non è stato possibile raggiungere il numero legale per poter iniziare la riunione stessa e, di conseguenza, non è stato possibile fornire un parere in merito al Regolamento tasse ed al Manifesto degli studi che saranno in vigore per l’anno prossimo”.

“Come abbiamo denunciato nelle scorse settimane, questa è l’ennesima conferma che in questo ateneo molte cose non funzionano”, continuano gli studenti, “e che spesso e volentieri la voce degli studenti rimane inascoltata ed è proprio per questo che chiediamo l’immediata nomina dei rappresentanti eletti”. Dopo 4 anni di stallo a maggio scorso si sono svolte le elezioni per le rappresentanze studentesche. Tuttavia il rettore ha emanato un regolamento elettorale che prevede l’entrata in carica a partire dal 1 novembre 2022.

“Una scelta assurda perché a luglio si decide sulle tasse universitarie”, commenta Carmela Santulli di 360Gradi, “entrare in carica dopo che le scelte più importanti sono state già fatte è un segnale gravissimo che fa capire come al vertice di questo ateneo da fastidio la rappresentanza studentesca e la voce che rappresenta. Il paradosso è che il rettore ha fatto di tutto per farsi prolungare il proprio mandato e nel contempo ha procrastinato l’ingresso degli studenti negli organismi principali, quali il Cda” prosegue Santulli, “È evidente che non ci vuole tra i piedi, d’altronde siamo l’unica voce dissonante in questo consesso in cui si pensa a tutto fuorché ai servizi per gli studenti. Chiediamo di nuovo di proclamare gli eletti ora, perché adesso si decidono le tasse, il calendario didattico e gli appelli e noi vogliamo poter rappresentare i colleghi che ci hanno eletto al meglio”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Università d'Annunzio, scatta la protesta: "Nominate i rappresentanti degli studenti"

ChietiToday è in caricamento