Economia

Evento wine alla Camera di Commercio: giapponesi e francesi amano il Montepulciano

Ultimo giorno per la tappa abruzzese dell'Evento Wine, al Centro espositivo della CCIAA di Chieti. Si tratta della quarta edizione del Progetto SIAFT (Southern Italy Agrifood and Tourism) per promuovere vino, olio, turismo, cibo e bevande delle regioni del centro-sud

Piace il Montepulciano d’Abruzzo ai compratori giapponesi e francesi che lo giudicano un prodotto con le carte in regola per sfondare sui loro mercati. Particolarmente apprezzato, invece, dai buyers polacchi è il trebbiano abruzzese ma, elemento comune a tutti i compratori esteri, è la forte attenzione nei confronti dei vitigni autoctoni.          

Sono questi i primi feedback della tappa abruzzese dell’Evento Wine, presso il Centro espositivo della CCIAA di Chieti (Foro Boario). Si tratta  della quarta edizione del Progetto SIAFT (Southern Italy Agrifood and Tourism) per promuovere vino, olio, turismo, cibo e bevande delle regioni del centro-sud. Oggi a Chieti l’ultima giornata con 16 aziende della provincia teatina presenti su un totale di  53  produttori del settore vitivinicolo arrivati, oltre che dall’Abruzzo, anche da Lazio, Campania, Molise, Puglia e Sicilia.  

Ieri sono state avviate le trattative  “B to B” (business to business)  con i  22 buyers arrivati da Germania, Francia, Polonia, Canada e Giappone e i primi due accordi conclusi già in mattinata dai compratori giapponesi e tedeschi con due aziende rispettivamente della Campania e del Lazio.

Da un primo bilancio, ai tedeschi interessa in particolare il vino biologico e un packaging accattivante mentre i giapponesi, sensibili al benessere psicofisico, hanno mostrato particolare apprezzamento per le aziende a conduzione familiare nelle quali si respira aria di tradizione.

“Queste due giornate dedicate al vino – dichiara Silvio Di Lorenzo Presidente della CCIAA di Chieti - sono per noi l’occasione per ribadire che in Abruzzo si produce vino di qualità imbottigliato che negli ultimi anni ha ottenuto riconoscimenti importanti. Aderendo al Progetto Siaft  - prosegue Di Lorenzo – intendiamo esportare l’intero Abruzzo con le sue risorse agroalimentari e turistiche”.   

Unanime da parte dei compratori esteri l’apprezzamento anche per il modo di comunicare di quelle aziende vinicole che, attraverso i loro siti, riescono a suscitare interesse grazie soprattutto ai testi in inglese.

Una curiosità: sorprendono i buyers polacchi che hanno dimostrato un elevato livello di competenza nel settore del vino ed anche una condivisione delle fasce di prezzo proposte dalle aziende.

“Per la prima volta Chieti – commenta Sandro Pettinato  Vicesegretario di Unioncamere -  ospita l’evento nazionale Siaft che insieme a 19 realtà camerali punta a favorire l’incaming di operatori stranieri verso le eccellenze del nostro mezzogiorno. L’obiettivo è quello di far emergere quelle aziende che non hanno mai esportato facendole diventare le vere promotrici dell’Italia all’estero”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Evento wine alla Camera di Commercio: giapponesi e francesi amano il Montepulciano

ChietiToday è in caricamento