Autostrade, Chiodi: "Sì alle terza corsia anche in Abruzzo"

Il presidente della regione all'incontro dell'Associazione Italiana Società Concessionarie Autostrade e Trafori ha parlato anche di ferrovie: "Non possiamo accettare che l'alta velocità si fermi ad Ancona"

"Per l'Autostrada Adriatica è necessaria la terza corsia che oggi si ferma ad Ancona. Si deve superare la resistenza del concessionario autostradale, che avanza motivi di economicità dell'intervento. Anche perché la terza corsia oltre che l'Abruzzo interessa la Puglia, che è un bacino non di poco conto. E siccome non si può bypassare la nostra costa per collegare il Centro-nord con la Puglia, noi stiamo lavorando perché si arrivi a questo risultato''. Così Gianni Chiodi è intervenuto ieri all'incontro che l'Associazione Italiana Società Concessionarie Autostrade e Trafori (Aiscat) e la Polizia Stradale a Francavilla.

Il presidente della Regione ha osservato anche che "In Abruzzo come sistema autostradale non siamo messi male, discorso diverso per le ferrovie -ma sappiamo che ora ci giochiamo una carta importante per mantenere questo nostro livello di competitività per gli anni a venire". A cominciare proprio dal fronte ferroviario: "Non possiamo accettare che l'ammodernamento e la velocizzazione della linea ferroviaria possa interessare la sola costa tirrenica. Abbiamo già subito in passato una menomazione con i corridoi Europei, pur avendo in quel periodo l'Italia la guida della Ue. Ora non possiamo accettare che l'alta velocità si fermi ad Ancona, ma deve arrivare fino a Bari, passando quindi per l'Abruzzo".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tornando sul tema delle autostrade Chiodi ha voluto lanciare la sua richiesta: "L'autostrada A24-A25 in questi anni è stata messa fortemente sotto stress da eventi calamitosi. Ed ha dimostrato nei momenti difficili come quelli del terremoto di essere fondamentale per muovere rapidamente mezzi e aiuti. Noi dobbiamo preservare questa funzionalità anche per gli anni futuri. Dalla legge di stabilità ci attendiamo molto in questo senso".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo caso positivo al Covid 19: è un paziente in ospedale a Chieti, domiciliato a San Salvo

  • Bimbo di 3 anni investito mentre attraversa la strada con la mamma: panico a Chieti Scalo

  • Si è spento Giuseppe Sigismondi, titolare della storica tabaccheria lungo corso Marrucino

  • A fuoco chiosco in piazza Garibaldi nella notte

  • È morto l'assessore Antonio Viola

  • Lite tra condomini a Chieti finisce a colpi di forbici: denunciati in due

Torna su
ChietiToday è in caricamento