rotate-mobile
Cronaca Fossacesia

Vandali rompono il bagno dei disabili nel parco di Fossacesia e il Comune è costretto a chiuderlo

L'amministrazione ha presentato denuncia ai carabinieri della locale stazione. Ignoti hanno danneggiato il bagno riservato ai disabili nel parco Bucciante

Nuovo atto vandalico a Fossacesia dove ignoti hanno danneggiato con un corpo contundente gli elementi presenti nel bagno riservato ai disabili all'interno del parco Bucciante. L’ufficio Manutenzioni del Comune ha chiuso temporaneamente il servizio. 

L'episodio è stato denunciato dal Comune ai carabinieri della locale stazione che indagano per poter risalire agli autori. “Non è la prima volta che vengono presi di mira i servizi pubblici della città e siamo costretti ad intervenire per le riparazioni i cui costi ricadono su tutti i cittadini".afferma l'assessore alla Sicurezza Umberto Petrosemolo.

"Sul territorio di Fossacesia sono ben 5 i bagni pubblici perché la nostra è una città turistica - ricorda il sindaco Di Giuseppantonio - e dunque in base alle presenze turistiche, alla qualità dell'azione amministrativa e al territorio offriamo servizi adeguati".

Nel centro città, oltre ai bagni presi di mira dai vandali che si trovano nel parco Bucciante, un altro servizio è localizzato in piazza Alessandro Fantini, in un bar su areea comunale,  a disposizione pubblica, così come da convenzione,  negli orari di apertura del locale. Un altro è presente nell’area monumentale di San Giovanni in Venere e tre sono dislocati sul lungomare della Marina, lato sud, nei pressi dello stabilimento la Dea del Mare, zona centrale, nella piazzetta adiacente la ‘Spiaggia per tutti’ e infine in quella dei Pescatori, lato nord. "Chiaro - aggiunge Di Giuseppantonio- che i danneggiamenti provocano solo ripercussioni alle casse comunali ma offendono l’intera cittadinanza, che quotidianamente s’impegna a rendere Fossacesia accogliente e ospitale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vandali rompono il bagno dei disabili nel parco di Fossacesia e il Comune è costretto a chiuderlo

ChietiToday è in caricamento