menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pena ridotta per l'omicidio di moglie e amica: dall'ergastolo a trent'anni per Marfisi

L'uomo è stato riconosciuto colpevole dei due omicidi, senza però tutte le aggravanti come quella della premeditazione

Il giudice del tribunale di Chieti, Isabella Maria Allieri, ha condannato a 30 anni di reclusione Francesco Marfisi, il 51enne di Ortona che il 13 aprile 2017 aveva ucciso a coltellate la moglie Letizia Primiterra e l'amica di lei, Laura Pezzella.

L'uomo è stato riconosciuto colpevole dei due omicidi, senza però tutte le aggravanti come quella della premeditazione. La sentenza è stata emessa oggi dopo un'ora e mezza di camera di consiglio.

Il pm, Giancarlo Ciani, aveva chiesto la condanna all'ergastolo.

Il giudice ha condannato Marfisi anche al pagamento del  risarcimento dei familiari delle due donne, costituitisi parte civile: un totale di 500 mila euro a figli padre e fratello di Letizia Primiterra e centomila euro ai due figli di Laura Pezzella.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È scomparso a 30 anni l'imprenditore della movida Ivan Vaccaro

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento