Cronaca Colle Marcone

Salvaiezzi: sequestrata area gestita da un'associazione sportiva

Una persona è indagata per realizzazione e gestione di discarica non autorizzata, danneggiamento e inquinamento delle acque. Le indagini sono state condotte dagli uomini del Corpo Forestale

Il Corpo Forestale dello Stato, su disposizione del Sostituto Procuratore della Repubblica, Andrea Dell’Orso, ieri ha posto sotto sequestro un’area di circa 12 ettari situata in località Salvaiezzi allo Scalo. Una persona è indagata per diverse ipotesi di reato, tra cui la realizzazione e gestione di discarica non autorizzata, danneggiamento e inquinamento delle acque.

Il luogo, gestito dall’associazione sportiva dilettantistica “Area Teaterno”, comprende due laghi utilizzati per la pesca sportiva, un bar ristorante, vari campi equestri, alcuni box per cavalli e diverse strutture annesse. Un terzo laghetto presente nell’area quotidianamente fungeva da vero e proprio sito di discarica del letame proveniente dai box di ricovero dei circa 50 cavalli ospitati nella struttura che risultava priva di concimaia.

Le indagini, condotte dagli uomini della sezione di Polizia Giudiziaria del CFS e dal personale del Comando Stazione di Chieti, hanno avuto origine da una segnalazione del personale del Servizio Aereo del Corpo Forestale dello Stato che quotidianamente monitora il territorio e che aveva notato insoliti movimenti nei pressi del laghetto.

Il controllo degli animali effettuato dal Servizio CITES di Pescara, la verifica delle autorizzazioni all’attività sportivo/ricreativa ed accertamenti sul personale a servizio della struttura, quasi esclusivamente extracomunitario, hanno completato il quadro del controllo.

“Fermi restando gli esiti giudiziari – commenta in una nota stampa il comandante provinciale Livia Mattei -  lascia interdetti il comportamento così superficiale, ancor prima che sprezzante delle norme, che mette, tra l’altro, a forte repentaglio la salubrità ambientale, di cui l’odore nauseabondo, segnalato peraltro da abitanti della zona, è l’aspetto che preoccupa  di meno. Il Corpo Forestale dello Stato si adopererà quindi per l’accertamento del danno ambientale, continuando a tenere alta l’allerta su queste indiscriminate aggressioni al bene ambiente”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Salvaiezzi: sequestrata area gestita da un'associazione sportiva

ChietiToday è in caricamento