Seggiovia di Gamberale: le associazioni ricorrono al Tar

Le carte affidate allo studio dell’avvocato Michele Pezone. “Continuare a cementificare aree importanti per l’orso ignorando i cambiamenti climatici è un inutile spreco di soldi”

Violenza sessuale su giovane barista: condannato a 5 anni e mezzo
I rappresentanti di Salviamo l'Orso, Wwf e Lipu si battono contro la realizzazione di una nuova seggiovia a Gamberale, al posto dello skilift fallito 15 anni fa. Un progetto giudicato dalle stesse "estremamente dannoso per l’ambiente e sostanzialmente inutile per l’economia locale". Lo stesso è stato approvato dal Comitato di Valutazione Ambientale della Regione, che ha tuttavia imposto varie prescrizioni, tra le quali quella di munirsi di un aggiornato parere del Parco Nazionale della Majella, nel cui territorio l’opera è prevista.

Nel frattempo Salviamo l’orso, Wwf e Lipu hanno incaricato un legale per il ricorso al Tar. "Il progetto - sostengono - crea danni potenziali a numerose specie faunistiche, in particolare a quelle di interesse comunitario tra cui l’aquila reale e l’orso bruno marsicano, orso che in questi anni ha ricolonizzato l’area ed è specie non solo protetta in sede europea ma oggetto di un piano speciale di tutela (PATOM) rilanciato anche in tempi recenti dal Ministero dell’Ambiente e dalla Regione Abruzzo.

L’area in esame, situata all’interno del Parco Nazionale della Majella, è soggetta al vincolo paesaggistico; ricade in una Zona di Protezione Speciale; fa parte dell’IBA (Important Bird Area) “Majella, Monti Pizzi e Monti Frentani”; è posta sul confine del SIC “Monti Pizzi-Monte Secine”; rientra nella core area del PATOM e in una delle due Macrozone (A-B) designate dalla Regione Abruzzo per non compromettere l’habitat dell’orso. Ma il Parco della Majella, con una scelta incomprensibile, non si era a suo tempo opposto. Ora, sulla base del parere del Comitato VIA n. 2788 del 30 maggio scorso, che appare viziato da vari profili di illegittimità, l’ente gestore dell’area protetta dovrà esprimersi di nuovo concedendo o negando il proprio nulla-osta a una opera dannosa per l’ambiente, costosa per la finanza pubblica (cioè per le tasche di tutti i cittadini) e peraltro ininfluente per l’economia del territorio".

L’iniziativa contro la realizzazione della seggiovia rientra all’interno di un forte impegno che Salviamo l'Orso, Wwf e Lipu hanno intrapreso da anni insieme a numerose altre associazioni ambientaliste a favore di uno sviluppo diverso e credibile delle aree interne, basato su scelte alternative da quelle che ci hanno portato all’attuale crisi. “Abbiamo dato mandato all’avvocato Michele Pezone, che già segue da diverse settimane la questione - affermano Salviamo l'Orso, Wwf e Lipu - di predisporre ricorso alla giustizia amministrativa contro il predetto parere del Comitato VIA. Ci auguriamo – concludono - che questa volta il Parco voglia tenere conto della reale situazione dei luoghi e della fauna presente, così come emersa in studi recenti confermati poi dallo stesso Direttore del Parco nell’ultima seduta del Comitato VIA del 30 maggio scorso”. 
 

Potrebbe interessarti: https://www.chietitoday.it/cronaca/violenza-sessuale-barista-chieti-scalo-albanese-condannato.html
Seguici su Facebook: https://www.facebook.com/pages/ChietiToday/252983314738998

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dai tavoli de "La Pecora Nera" al cinema per adulti: il primo film di Marilena Di Stilio

  • C'è crisi ma non si trovano i lavoratori da assumere: a Chieti e provincia mancano venditori, camerieri e camionisti

  • Morto l'uomo caduto all’interno della scala mobile di Chieti

  • Anffas Chieti in lutto: è morta la presidente Gabriella Casalvieri

  • Da Francavilla ad "Avanti un altro", Al Di Berardino conquista Bonolis: "Per me ha già vinto!"

  • Tamponamento a catena sull’Asse Attrezzato: code in direzione Pescara

Torna su
ChietiToday è in caricamento