Giovedì, 28 Ottobre 2021
Cronaca

Mega ripetitore della Finanza, Riccardo (Idv): "Che effetto avrà l'esposizione alle radiazioni?"

Il coordinatore regionale parla del grande traliccio ad uso della Guardia di Finanza sito di recente tra il Tricalle e il San Salvatore e che sta destando molta preoccupazione, specie tra i residenti

E’ in fase di ultimazione a Colle degli Ulivi l’installazione di una postazione ripetitrice che servirà al potenziamento della rete digitale per le forze di polizia locali.

Ma quel grande traliccio tra il Tricalle e San Salvatore continua a  preoccupare i cittadini, soprattutto quelli residenti in zona, spaventati dagli effetti che a lungo termine avrà questa esposizione a onde elettromagnetiche.

Dal Comando della Guardia di Finanza assicurano che prima dell’entrata in funzione l’Arta effettuerà opportune verifiche e sarà assicurato il rispetto delle normative in materia di inquinamento elettromagnetico.

 Per Giampiero Riccardo, coordinatore regionale giovani Idv e per tanti altri però, questo non basta. “Le rassicurazioni sui monitoraggi che saranno effettuati dall'Arta nell'aria interessata dal traliccio, non sono affatto sufficienti – dice -   Gli effetti di una prolungata esposizione alle radiazioni elettromagnetiche sono ancora in fase di studi. Analisi indipendenti sulla qualità dell'aria, la solidità dei terreni e i livelli di elettosmog, la mappatura delle principali sorgenti a rischio come antenne e ripetitori, sono atti indispensabili per garantire la massima tutela per l'uomo e l'ambiente”.

Per la sua classificazione, l’impianto militare destinato alla ‘sicurezza nazionale’ resta escluso da ogni tipo di approvazione, controllo e vincolo amministrativo e urbanistico. Per Riccardo, almeno un accenno alla cittadinanza sulla volontà di edificare una simile opera, avrebbe creato sicuramente meno allarmismo.  “Il segreto militare non può essere una giustificazione – riprende -  Ormai è chiaro che qualsivoglia forma di imposizione da parte delle Istituzioni, si scontra con la crescente consapevolezza e il rinnovato senso critico dei cittadini. Una frizione che si può ridurre solo attraverso una crescita in termini di condivisione e partecipazione nelle scelte che interessano tutti. Finché persisterà l'incertezza sulle conseguenze prodotte da impianti come quello in fase di realizzazione sulla colline del Tricalle – conclude-  sarà bene adottare tutte le precauzioni del caso, attenendosi scrupolosamente al suddetto regolamento vigente e contenendo al massimo i possibili rischi”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mega ripetitore della Finanza, Riccardo (Idv): "Che effetto avrà l'esposizione alle radiazioni?"

ChietiToday è in caricamento