Rilasciata in mare la tartaruga Lully in memoria di Ludovica, la bimba volata giù dal viadotto

La piccola è stata ricordata con il rilascio in mare di un esemplare di tartaruga caretta caretta di nome Lully, che aveva adottato

un momento della cerimonia, foto. Ansa

Momenti di grande commozione ieri pomeriggio al porto turistico di Pescara dove si è tenuta una cerimonia in ricordo di Ludovica, la bimba morta quattro mesi fa a Francavilla al Mare dopo essere stata spinta giù da un viadotto dell'A14 dal padre, che prima del tragico gesto aveva ucciso anche la moglie.

Ieri la piccola è stata ricordata con il rilascio in mare di un esemplare di tartaruga caretta caretta di nome Lully, adottata da Ludovica. L'iniziativa è stata promossa da Adricesta onluse e si è svolta dalla banchina destinata ai mezzi della Guardia Costiera, con il rilascio in mare della tartaruga da parte del Centro Studi Cetacei – Centro Recupero Tartarughe Marine "L. Cagnolaro" di Pescara.

"La tartaruga - ha sottolineato Adricesta - è molto cara all'associazione poiché adottata dalla piccola Ludovica, tragicamente scomparsa il maggio scorso, che faceva parte del Coro dell'Istituto Comprensivo Pescara 8, partecipando agli eventi benefici della Onlus in favore dei bambini ospedalizzati, attualmente impegnata nel progetto 'Arredi Pediatria' dell'ospedale civile di Pescara, ora dedicato alla bimba".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

    "È un bel modo per tenere vivo il ricordo di questa bambina deliziosa, sensibile, generosa - ha dichiarato lo zio della bimba, Francesco Angrilli - che ci manca tanto: continueremo a vivere nel suo ricordo perché lei viva con noi, così come la mamma, mia sorella Marina. Per noi della famiglia è stato veramente una cosa toccante a commovente. Spero che sia solo una prima di tante iniziative perché quello che vogliamo è che il ricordo di queste due persone rimanga sempre vivo e non tenda a spegnersi pian piano nel tempo, anche perché spero che il loro supremo sacrificio in qualche modo possa servire affinché certe cose efferate non debbano più succedere mai da nessuna parte".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vasto e Chieti piangono la scomparsa del professor Domenico Rossi, morto a 50 anni per un malore

  • Paglieta in lutto per Antonella, mamma di tre bambini scomparsa a 34 anni

  • Estate 2020: in spiaggia con la mascherina, sotto l'ombrellone a 1 metro di distanza. Come si andrà al mare

  • Oggi sposi, nonostante il Coronavirus: Jessica e Francesco si sono sposati a Chieti in attesa dei loro gemellini

  • Coronavirus: nessun nuovo caso in provincia di Chieti, ma c'è una persona morta

  • Proprietà e benefici delle fave, da mangiare rigorosamente con “pane onde”

Torna su
ChietiToday è in caricamento