menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Se non credete nella ricerca chiudete": dipendenti Cotir protestano in Regione

I dipendenti hanno occupato la sala commissioni chiedendo risposte

Protesta pacifica questa mattina all’Aquila dei dipendenti del Cotir da due mesi senza stipendio e al lavoro in strutture abbandonate. I dipendenti hanno occupato la sala commissioni chiedendo risposte alla Regione.

A raccogliere il messaggio il consigliere regionale del M5S Pietro Smargiassi. “La regione non investe sulla ricerca e non paga i dipendenti dei centri come il Cotir – dice -  Lasciare ricercatori e personale di ricerca per 24 mesi senza stipendi non solo è una beffa per tutti i lavoratori, ma è anche un danno per la nostra Regione che rimane ancorata al palo ed è molto lontana dall’idea di innovazione e progresso sbandierato in campagna elettorale da chi oggi governa l’Abruzzo. COTIR SENZA GAS E CORRENTE

I dipendenti chiedono di essere trattati con rispetto ed oggi hanno compiuto un gesto estremo: occupare un’aula istituzionale. Sono cittadini abruzzesi, sono lavoratori esasperati che chiedono una risposta. Ma il governo dov'è? D'Alfonso quale decisione politica prenderà su questa questione? Ha un’idea progettuale sui centri di ricerca?. Chi amministra deve trovare le risorse saldare subito il debito con questi lavoratori e da oggi partire con una programmazione mirata per il futuro. Si abbia il coraggio di governare, si dia una risposta a questi cittadini! La politica ha il potere decisionale. Decida!".
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento