menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Continua a tagliare i capelli in barba ai divieti: multati parrucchiere e cliente a Chieti

Aveva le saracinesche abbassate, ma quello che stava accadendo non è sfuggito ai controlli della polizia municipale. Di Primio: "Irresponsabili" e aumenta i controlli

La polizia municipale di Chieti ha chiuso l’attività di un salone di parrucchiere che questa mattina stava lavorando irregolarmente: multati titolare e una cliente presente in quel momento.

Una mattinata di sole, che ha spinto tanti cittadini a uscire di casa ma non tutti per validi motivi, come ha riferito il sindaco Umberto Di Primio, non poco irritato per quanto accaduto. 

“Irresponsabili e incivili” non riesce a trovare altri appellativi per definire chi fa fatica a comprendere che l’epidemia non è ancora finita dimostrandolo con comportamenti scorretti, come quelli sanzionati stamattina.

E aggiunge: "Ma avete capito che questa epidemia non è finita e continuano ad esserci persone malate e in isolamento in città e in provincia? Gente che esce senza un motivo, persone che prendono il sole a gruppi sulle panchine pubbliche e questa mattina la municipale ha provveduto alla chiusura di un parrucchiere! Per colpa vostra, rischiamo la salute tutti!"

Trucco e parrucco nonostante la pandemia: la lettera

Dopo la ‘buona condotta’ di Pasqua, insomma, è tempo di fare i conti con chi continua a violare le prescrizioni. Per questo il sindaco di Chieti ha annunciato da subito controlli ancora più intensi e sopralluoghi nelle attività commerciali che non sono ancora autorizzate a ripartire dal governo.

In città, secondo gli ultimi dati, sono 87 le persone positive al coronavirus.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento