rotate-mobile
Cronaca San Martino / Via Marino Turchi

Discarica abusiva di pane, chili di alimenti abbandonati nella zona industriale

Panini e pagnotte scaduti, alcuni rovinati dal tempo, sono abbandoanti in via Marino Turchi fra televisori e divani vecchi. L'ennesimo scempio all'ambiente e alla città, in barba alla fame e alle sanzioni pecuniarie che dovrebbero essere applicate dalle guardie ambientali

Pagnotte e panini accatastati a terra, fra un sacchetto dell’immondizia e un divano logoro, di fronte ad uno sfasciacarrozze nella zona industriale di Chieti Scalo, in via Marino Turchi.

È l’ennesimo scempio per l’ambiente messo in atto nel territorio cittadino, in barba ai controlli delle guardie ambientali, al rischio di pagare multe salate, all’inquinamento dell’aria e dell’ambiente. Discariche abusive che si formano puntualmente nei punti più periferici, lontano da occhi indiscreti. E che stavolta hanno raggiunto una dimensione allarmante.

Uno schiaffo alla fame, alla crisi, al lavoro di chi, per impastare quel pane, ha impiegato fatica. Sono decine i filoncini e i panini incellofanati a dovere per essere serviti, ma ormai scaduti, gettati a terra nello sprezzo totale del regolamento comunale sulla raccolta differenziata.

La discarica di panini / foto F. Rapposelli

Su ogni pacchetto è ben visibile l’etichetta con il fornaio di provenienza, e su quelli meno scoloriti si vedono bene le date di scadenza, quel “da consumarsi preferibilmente entro” che detta la vita media di un alimento. Alcune pagnotte risultano scadute già prima della fine del 2013 e la muffa inizia già a fare capolino. I panini a vederli sembrerebbero pronti per essere serviti, anche se la data recita di non consumarli oltre il 3 gennaio. E la plastica bagnata e sporca di fango farebbe passare la voglia anche ai più affamati.

Se finora le discariche abusive cittadine avevano ospitato “solo” mobiletti, materassi, pneumatici, laterizi e immondizia di vario genere (come ancora accade in via Piaggio, a pochi passi dalla Industria adriatica confezioni e in via Montello, fra l’erba vicino al Villaggio del Mediterraneo, deturpando ambiente e olfatto, l’ultimo gesto risulta più incivile che mai.

Resta da chiedersi perché gli organi preposti al controllo non si armino di pazienza e, tramite l’etichetta dei chili di pane abbandonati a terra, non risalgano al supermercato o alla mensa che ha avuto il coraggio di fare dell’alimento base uno degli angoli più affollati dell’ennesima discarica abusiva.  

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Discarica abusiva di pane, chili di alimenti abbandonati nella zona industriale

ChietiToday è in caricamento