rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
Cronaca

La città saluta Miria Ciarma: i funerali al SS. Crocifisso

Il ricordo del Comitato Promotore per il Club Unesco di Chieti di cui l’ex direttrice dell’Archivio di Stato faceva parte: "Onoreremo la sua memoria"

Si svolgeranno domani alle 10,30 nella chiesa del SS. Crocifisso a Chieti Scalo le esequie di Miria Ciarma, scomparsa in seguito alle ferite riportate in un drammatico incidente stradale sabato scorso sulla Statale che da Bussi conduce all’Aquila. La dottoressa è deceduta nel reparto di Rianimazione dell'ospedale di Popoli, dove era stata trasferita dopo il tragico frontale. Ieri è stata eseguita l'autopsia.

“Con la tragica scomparsa della dottoressa Miria Ciarma la città di Chieti perde una persona preziosa – le parole del sindaco Di Primio - Infaticabile donna di cultura, sempre attenta a tutte le iniziative cittadine, con l’entusiasmo che l’ha sempre contraddistinta, Miria, anche dopo aver lasciato la dirigenza dell’Archivio di Stato di Chieti, ha sempre continuato a mettere a disposizione il proprio tempo e la sua professione per la città. Tutti noi continueremo a ricordala quale custode della memoria del nostro territorio”.

L'impegno per l'Unesco

La dottoressa Ciarma è rimasta vittima dell’incidente stradale mentre si stava recando all’Aquila per raggiungere la sede del Corso di formazione nazionale per i Club per l’Unesco assieme alla coordinatrice Cinzia Di Vincenzo, rimasta ferita. 

Il Comitato Promotore per il Club Unesco di Chieti di cui l’ex direttrice dell’Archivio di Stato faceva parte, la ricorda così: “Era molto entusiasta, Miria, di spendersi per nuovi progetti che avrebbero contribuito alla crescita culturale della sua città nello spirito dell’Unesco Costruire la pace nelle menti di uomini e donne attraverso la Cultura e l’Istruzione. Per questo aveva aderito con entusiasmo e partecipazione all’attività formativa promossa dalla Federazione Italiana dei Centri e Club per l’Unesco. Da poco in pensione, era stata direttrice dell’Archivio di Stato di Chieti dove ha prestato servizio con scrupolo e metodo scientifico diffondendo all’esterno dell’istituzione l’enorme patrimonio di conoscenze acquisito dalle fonti d’archivio attraverso la pubblicazione di libri e l’organizzazione di conferenze e mostre. La sua competenza ed esperienza costituivano un patrimonio inestimabile per il costituendo Club per l’Unesco di Chieti. Il Comitato Promotore avrà un motivo in più per perseguire gli obiettivi dell’Unesco: onorare la memoria di Miria”.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La città saluta Miria Ciarma: i funerali al SS. Crocifisso

ChietiToday è in caricamento